PROCESSO MICROSOFT: LA CARICA DEGLI UTENTI

30 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Un giudice della California, con una sentenza destinata ad accendere un aspro dibattito, ha aperto per milioni di utilizzatori di personal computer la possibilita’ di chiedere un risarcimento danni a Microsoft (MSFT).

In un dispositivo di 21 pagine, il giudice di San Francisco Stuart Pollak sostiene che gli utenti di Windows hanno il diritto di citare in giudizio la societa’ di Bill Gates perche’ venga accertato se Microsoft abbia imposto un prezzo eccessivo approfittando della propria posizione di monopolio.

Il giudice ha indicato che la strada maestra per ottenere giustizia e’ quella di una causa collettiva: “Il caso vede coinvolto un numero particolarmente elevato di persone che, singolarmente, non avrebbero ne’ interesse, ne’ convenienza a intraprendere un’azione legale”.

James Cullinan, portavoce di Microsoft, ha fatto sapere che la societa’ sta ancora analizzando le motivazioni della sentenza.