PREZZI PRODUZIONE: ITALIA, AUMENTI DA RECORD

31 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

In Italia a giugno prezzi alla produzione in aumento record: +6,9% rispetto a giugno 1999. A maggio l’aumento sullo stesso mese dell’anno precedente era stato del 6,4%.

L’Istat, che ha diffuso il dato, rileva anche che su base mensile la variazione è stata dello 0,5%, in calo rispetto al +0,9% di maggio.

L’incremento tendenziale di giugno segna il record dal novembre del 1995. In termini congiunturali (mese su mese), è stato registrato un aumento pari allo 0,9% per i prezzi di beni intermedi, mentre nessuna variazione è stata registrata per i prezzi dei beni finali di consumo e per quelli dei beni finali di investimento.

Gli aumenti congiunturali più consistenti sono stati registrati nei settori dei prodotti petroliferi raffinati (+3,4%), dei minerali non metalliferi (+1,9%) e dell’energia elettrica, gas e acqua (+1,4% dovuto essenzialmente all’aumento del prezzo del gas). Altri aumenti nella carta e prodotti di carta, stampa ed editoria (+0,7%), del cuoio, prodotti in cuoio, pelle e similari (+0,6%) e degli articoli in gomma e materie plastiche (+0,5%). Unica diminuzione negli alimentari, bevande e tabacchi (-0,5%).

Rispetto al mese di giugno 1999, invece, gli aumenti sono stati pari all’11,2% per i beni intermedi, al 2,1% per i beni finali di consumo e
all’1,1% per i beni finali di investimento. Le variazioni tendenziali positive piu’ elevate sono state riscontrate nei settori dell’energia elettrica, gas ed acqua (+29,8%), dei prodotti petroliferi raffinati (+23,8%) e dei prodotti chimici e fibre sintetiche ed artificiali (+11%).