Previsioni sul petrolio Brent: il greggio indietreggia in mezzo a un potenziale divieto sul petrolio russo

8 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

Il petrolio continua a crescere in modo parabolico, rimane altamente volatile ed è probabile che diventi sempre più reattivo ai titoli delle notizie.

Possibile divieto degli Stati Uniti alle importazioni di petrolio dalla Russia

Lunedì il presidente Joe Biden ha tenuto una videoconferenza con i leader di Francia, Germania e Regno Unito per discutere di un potenziale divieto alle importazioni di petrolio russo. Gli Stati Uniti non dipendono dalle importazioni di energia russe come lo è attualmente l’Europa.

La Germania è il più grande acquirente di greggio russo e finora ha rifiutato il divieto. La più grande economia europea ha avviato procedure per disinvestire dalla Russia alla ricerca di soluzioni alternative. C’è ancora una probabilità che gli Stati Uniti vadano avanti con il divieto da soli.

In risposta alle sanzioni, il vice primo ministro russo Alexander Novak ha avvertito:

“È assolutamente chiaro che un rifiuto del petrolio russo porterebbe a conseguenze catastrofiche per il mercato globale”.

Ha continuato aggiungendo:

“L’aumento dei prezzi sarebbe imprevedibile. Sarebbero 300 dollari al barile se non di più”.

L’OPEC continua a fornire obiettivi

I funzionari dell’OPEC hanno ribadito che gli attuali picchi di prezzo del petrolio non hanno nulla a che fare con l’OPEC e sono il risultato dei timori di interruzione dell’offerta. L’Organizzazione dei paesi produttori di petrolio ha deciso nella sua riunione più recente di continuare ad aggiungere 400.000 barili al giorno alla produzione del gruppo per aprile, nel tentativo di aumentare l’offerta a livelli simili sperimentati prima della pandemia.

Inoltre, per l’accordo nucleare iraniano sarà richiesto più tempo del previsto poiché il mercato resiste a un aumento delle forniture di petrolio dalla nazione sanzionata.

Durante la sessione di Londra, è stata diffusa la notizia che Shell si unirà all’elenco delle società che hanno completamente disinvestito o stanno gradualmente abbandonando la Russia.

Enorme volatilità dei prezzi del petrolio

Il petrolio è salito con grande slancio e rimane estremamente volatile in un contesto difficile. Il grafico sottostante mostra il recente aumento della volatilità (linea arancione) insieme al prezzo del petrolio (linea blu). Sebbene sia ancora molto lontano da marzo 2020, ora è il periodo più volatile dall’inizio della pandemia.

Prezzo del petrolio e indice di volatilità del petrolio greggio CBOE

I movimenti del greggio sono stati così dirompenti che è necessario un grafico mensile per visualizzare i livelli di resistenza più rilevanti. Finora a marzo abbiamo già assistito a un aumento di oltre il 38% del prezzo del petrolio, che si è leggermente ritirato ieri.

Grafico mensile Brent Crude Oil - Tradingview

Il grafico giornaliero rivela il recente pullback che è attualmente visto come una reazione sui mercati sulla scia del potenziale divieto del petrolio russo da parte degli Stati Uniti. Se il livello di 118,50 dovesse fornire un trampolino di lancio verso il massimo storico di 147,30, un ipotesi è sicuramente aspettarsi una reazioni in zona 128,40.
Tuttavia, i fattori fondamentali e geopolitici che circondano il petrolio rimangono altamente incerti e un brusco movimento al ribasso non può non essere considerato se il pullback dovesse estendersi al ribasso. Il livello 118,50 è il livello di supporto più vicino seguito dai livelli psicologici di 110,00 e 100,00.

Una considerazione chiave è che i mercati possono rimanere in territorio di ipercomprato/ipervenduto per lunghi periodi di tempo quando tentano di navigare attraverso l’incertezza geopolitica.

Grafico giornaliero Brent Crude Oil - Tradingview