PREVISIONI RECORD PER LE BUSINESS-TO-BUSINESS

28 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

A questo punto e’ chiaro a tutti che il settore business-to-business online, cioe’ quello delle transazioni da una societa’ all’altra tramite l’Internet, e’ uno dei punti di forza dell’economia internet. Un nuovo rapporto di GartnerGroup, la piu’ grossa societa’ di ricerca specializzata in tecnologia, rivela che, di fatto, il settore e’ in ebollizione.

Nel novembre 1998 le previsioni di Forrester Research, che comprendevano solo le B2B americane, vedevano una crescita del 1100% nel periodo compreso tra il 1999 e il 2003, con le vendite di quest’ultimo anno a 1,3 trilioni di dollari.

Un piu’ recente studio dell’analista Vernon Keenan prevedeva che entro il 2004 le transazioni tra aziende via Internet avrebbero raggiunto 1,1 trilioni di dollari.

Leah Knight del GartnerGroup parla invece di un volume di affari di 2,8 trilioni di dollari entro il 2004 per le societa’ americane di business-to business e di una crescita del 5.000% delle vendite mondiali che dovrebbero raggiungere 7,29 trilioni di dollari.

Previsioni molto aggressive; ma anche controverse, perche’ tengono conto delle vendite totali invece del piu’ tradizionale strumento di misura che e’ il valore aggiunto.

Il GartnerGroup dice che ha piu’ senso calcolare il totale delle transazioni perche’ riflette piu’ accuratamente la dimensione delle opportunita’ delle societa’ business-to business online.

Le previsioni sono state riviste al rialzo perche’ stanno emergendo i cosidetti ‘e-market makers’, societa’ quali Commerce One (CMRC) e Ariba (ARBA) che hanno creato mercati elettronici dove le aziende possono condurre affari.

Knight prevede che ben il 37% delle transazioni B2B online passeranno attraverso questi e-market, e cio’ accelerera’ la crescita delle vendite.