Portogallo: forte attesa per l’accordo sugli aiuti

29 Aprile 2011, di Redazione Wall Street Italia

Milano – In un mercato visto sottotono per la mancanza dei dealer inglesi, in vacanza oggi per seguire il matrimonio reale e lunedì per bank holiday, l’attenzione resta per il Portogallo in trepida attesa del raggiungimento di un accordo sul bailout, dato ieri per imminente.

I più vedono nella metà di maggio la data più probabile per l’annuncio delle misure a fronte delle quali il paese lusitano riceverà da Ue e Fmi un pacchetto stimato in circa EUR80 mld, indispensabile tra l’altro per far fronte al rimborso a giugno di bond per EUR4,9 mld.

In Germania le vendite al dettaglio di marzo diffuse stamane sono risultate in calo del 2,1% su mese a fronte di stime per un +0,3%, mentre quella tendenziale si è attestata a -3,5% (consensus +1,4%).

Molti i dati macro in agenda oggi, tra cui quelli preliminari sull’inflazione in aprile in Italia (atteso +0,3% su mese) e l’aggregato di Eurozona (+2,7% su anno), la massa monetaria M3, l’indice di fiducia economica ed il tasso di disoccupazione sempre dell’Area Euro, mentre negli Stati Uniti sono in arrivo i dati su Chicago Pmi (68,5 pts) e la fiducia dei consumatori della Michigan University (69,9).

Il cambio Eur/Usd quota 1,4840 mentre il petrolio Wti scambia a USD112,50 al barile. Invariata stamane l’apertura sul Bund Future tedesco a 122,70.

MERCATI

Partenza poco mossa per le borse europee dopo il close contrastato per l’azionario Usa (Dow Jones +0,57%, S&P500 +0,36%, Nasdaq 100 -0,15%) mentre le borse asiatiche, orfane di Tokyo, sono quasi tutte cedenti fatta eccezione per Shanghai che al momento mostra una variazione positiva dello 0,7% circa.

Ieri a mercati chiusi Microsoft ha comunicato i dati del 3Q11 fiscale con un utile netto in crescita del 31% a USD5,23 mld, mentre il giro d’affari ha evidenziato un progresso del 13% a USD16,43 mld; hanno deluso le vendite della divisione Windows, scese del 4,4% a USD4,45 mld ed inferiori alle attese. Microsoft non ha rivisto le previsioni per l’esercizio fiscale 2011.

L’agenda corporate di oggi vede i numeri di Caterpillar, Chevron, Gazprom e Merck.

Già diffusi i conti di Daimler che nei primi 3 mesi 2011 ha registrato profitti pari a EUR1,18 mld, contro i EUR612 mln conseguiti nell’analogo periodo 2010, a fronte di un giro d’affari che ha evidenziato una crescita del 17% a EUR24,7 mld.

EVENTI SOCIETARI

FINMECCANICA (EUR9,05): ribadisce di non vedere problemi dai previsti tagli della spesa alla Difesa negli Stati Uniti.

GENERALI (EUR16,14): Edizione srl, finanziaria della famiglia Benetton, intende restare nell’azionariato di Generali con un “orizzonte di lungo, lunghissimo periodo”.

LUXOTTICA (EUR22,70): dopo i conti del 1Q11 gli analisti di Bank of America hanno ridotto la raccomandazione da buy a neutral. La società ha chiuso il 1Q11 con risultati in aumento, confermando le buone indicazioni dei primi due mesi del 2011 e il trend di crescita positivo di entrambe le divisioni in tutte le aree geografiche in cui opera il gruppo.

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito il disclaimer ufficiale di WSI.