PIU’ VACANZE MA AL RISPARMIO. VIA WEB

6 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Basta un leggero spiffero di ripresa, e in Europa, soprattutto grazie all’Italia, si riaccende la voglia di vacanza. Se anche nei momenti più bui della congiuntura mai era stata del tutto accantonata l’idea di investire in relax e viaggi estivi, tuttavia, quest’anno, l’indagine Barometro Ipsos – Europ Assistence rileva un nuovo entusiasmo.

Sono il 6% in più gli europei decisi a prendersi ferie in questa estate: due su tre (il 66% contro il 60% dello scorso anno) a livello continentale, con punte di incremento anche in doppia cifra in alcuni Paesi come la Spagna, dove la voglia di prenotare è cresciuta del 14% portando al 65% la quota di spagnoli nel plotone dei prossimi vacanzieri.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

In questo modo, Madrid supera la Germania, il Belgio e si attesta a fianco della Francia, tutti Paesi dove i decisi alla vacanza viaggiano tra il 60 e il 65 per cento. Ma resta ancora dietro alle regine delle ferie estive: Gran Bretagna, Austria e Italia. Quest’ultima, soprattutto, ha registrato un aumento del 9% degli intervistati (tra febbraio e marzo scorsi) pronti a partire, che ora sono il 68% del campione. Quindi, nessuna intenzione a rinunciare alla vancanza, anche se a spese ridotte.

Innanzi tutto, riducendo i tempi: il 39% degli italiani è orientato a una vacanza limitata a una settimana, mentre in Europa per la maggioranza del campione (il 42%) i tempi di relax saranno di due settimane. Italiani ridotti anche nel budget, fermo a 2.029 euro per nucleo familiare, contro i 2.145 di media europea (peraltro in calo dai 2.235 dello scorso anno).

Sia come sia, l’Italia resta la meta preferita tra le destinazioni europee, col 18% dei consensi contro il 17% della Francia e il 16% della Spagna. Motivo per cui ben il 66% degli italiani intende impiegare le ferie entro i confini nazionali. Anche se pure tra i tradizionalisti seguaci di Rimini o Fregene, un terzo comincia a prenotare via Internet, come nel resto d’Europa.

Copyright © Bloomberg – Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved