PIIGS E DEFICIT: UNO SHOCK PER L’ECONOMIA MONDIALE

11 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

Il deterioramento delle finanze pubbliche delle economie industrializzate potrebbe compromettere l’intensita’ e la rapidita’ della ripresa mondiale piu’ di quanto non ci si aspetti. A lanciare l’appello e’ Mohamed A. El-Erian, al fianco di Bill Gross a capo del fondo obbligazionario maggiore del mondo.

“L’importanza dello shock alle finanze pubbliche delle economie industrializzate e’ sottovalutata e male interpretata”, ha scritto El-Erian in un articolo pubblicato sul sito Internet del Financial Times e poi ripreso dall’agenzia Bloomberg. Il danno potenziale di un incremento dei debiti governativi dei Paesi dell’Unione Europea e’ “attualmente visto principalmente — ed eccessivamente — attraverso lo stretto prisma della Grecia”.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Dopo essersi indebitati in maniera eccessiva per far fronte alla crisi finanziaria mondiale – avverte El Erian, 51 anni – i governi saranno costretti ad alzare le tasse e ridurre le spese per riportare i livelli di deficit su livelli normali.

Un fallimento nel portare a compimento in tempo tali misure fiscali finirebbe per aumentare il rischio che i governi cerchino di risanare il debito eccessivo tramite l’inflazione o un default.

Pimco ha fatto notare che i problemi finanziari di Grecia, Portogallo, Spagna (e Italia) confermano le previsioni secondo cui il 2010 sara’ un anno di crescita sotto la media e come il ruolo e l’apporto dell’economia statunitense alla ripresa mondiale finira’ per essere di secondo piano.