PIIGS, DEBITI E DEFICIT: E ORA SCATTA L’ALLARME PER LA SPAGNA?

15 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) –José Luis Zapatero in una recente intervista ha detto che adotterà qualsiasi misura pur di rilanciare l’economia spagnola e pur di riordinare i conti pubblici entro il 2013 così come promesso a Bruxelles e ai partner europei.

La dichiarazione è importante perché la Spagna è la quarta economia nella Ue e ha quindi un peso specifico ben superiore a quella di altri “pigs” come Grecia e Portogallo.

Se la sfiducia dei mercati dovesse abbattersi su Madrid (un assaggio c’è stato lo scorso 4 febbraio quando la Borsa è crollata in una sola seduta del 6%) con la stessa intensità con cui ha colpito ultimamente altri paesi della zona euro, per la moneta europea sarebbe un vero disastro.

La domanda è dunque se la Spagna sia realmente una nazione a rischio come di volta in volta sembrano indicare le analisi delle principali agenzie di rating internazionali (il debito a lungo termine è sotto osservazione con possibili implicazioni negative ed è stata tagliata la notazione ad alcune casse di risparmio) o di alcune banche.

Tanto più che il Tesoro dovrà emettere quest’anno debito per oltre 210 miliardi di euro per far fronte al rimborso di quello in scadenza e per finanziare gli interventi varati a sostegno dell’economia.

«Il peggio – dichiara Juan Ignacio Crespo, responsabile di Thomson-Reuters – è ormai alle spalle e non vedo all’orizzonte alcun default. Le ultime emissioni sono andate bene e sui Cds il differenziale con la Germania si sta gradualmente riducendo. Pur nelle difficoltà contingenti, sulla Spagna non ci sono mai stati grandi problemi di fiducia. Il paese è solvibile, paga con puntualità e continuerà a farlo anche in futuro, tant’è vero che il debito in scadenza (90 miliardi di euro restano da rimborsare nel 2010) viene continuamente rinnovato senza sforzo e così quello addizionale che corrisponde all’incremento del disavanzo pubblico».

Secondo l’analista di Thomson l’economia spagnola ha sì 6-9 mesi di ritardo rispetto alla ripresa degli Stati Uniti, ma ci sono segnali che la situazione stia gradualmente migliorando.

In particolare, secondo Juan Ignacio Crespo è importante il fatto che il tasso di risparmio degli spagnoli non sia stato mai così elevato (18%) come negli ultimi mesi. Ma anche che l’inflazione sia contenuta. Due fattori, che permettono di guardare all’aumento dell’indebitamento spagnolo (dall’attuale 55% all’80% circa del Pil in 3 anni) e al deficit (che verrà ridotto dall’attuale 11,4% al 3% nel 2013), con relativa tranquillità.

In realtà i rischi non mancano. La crisi provocata dallo scoppio della bolla immobiliare, che è stata lenta e non improvvisa come quella sui prodotti tossici di altri paesi, è entrata nel profondo del tessuto economico del paese e si è allargata ad altri settori come l’auto e il turismo, ma anche a quello bancario.

Le cifre che danno un quadro della realtà quotidiana sono quindi il milione di case invendute; gli oltre 4 milioni di disoccupati (20% del totale); le sofferenze bancarie che crescono di mese in mese; l’indebitamento delle famiglie (176% del Pil, secondo McKinsey) che porta il totale dell’esposizione del paese (pubblico e privato congiunti) al 400% del Pil circa; il calo della produzione industriale (-2,5% a gennaio).

Il tutto mentre i conti pubblici sono fuori controllo e c’è chi dubita che possano essere rimmessi in ordine entro il 2013.

La Spagna è passata in 5 anni dall’essere un paese virtuoso, in forte crescita, a una nazione con uno dei maggiori disavanzi nella Ue e una delle recessioni più marcate.

Qualcuno dice che il paese ha fatto il passo più lungo della gamba e che sarebbe stato meglio restare fuori dall’euro: sarebbe bastata infatti una modesta svalutazione della “peseta” per superare la crisi.

Invece questa crisi ha messo a nudo i limiti di un modello basato sulla “old economy” fortemente “labour intensive”. Per questo, per superare la cultura conservatrice del paese, urgono riforme strutturali a tutti i livelli: sociale, economico-produttivo, educativo.

Riforme che il paese ha i mezzi per varare, potendo contare sulle basi di un sistema sanitario e di un sistema pensionistico solidi, garanti del benessere sociale.

Zapatero ha intuito che la fase di stallo non può continuare e che è urgente rimodernare il paese. I tempi sono però lunghi: c’è bisogno infatti di ripianare l’attuale situazione, che prenderà i prossimi due anni di quel che resta della legioslatura, ma anche e soprattutto del consenso politico. E questo è lo scoglio principale da superare.

Copyright © Il Sole 24 Ore. All rights reserved