PIF, ecco cosa sono e perché investirci

21 Maggio 2019, di Alessandro Chiatto

Societe Generale amplia la sua gamma di prodotti collocando sul mercato primario, a partire da lunedì 20 maggio a giovedì 20 giugno, una nuova obbligazione Positive Impact Finance (PIF). Questi strumenti sono disponibili tramite 7 primari istituti in Italia: Banca Monte dei Paschi di Siena SpA, Deutsche Bank SpA, CheBanca! SpA, Banca Sella Holding SpA (che agisce direttamente e per il tramite di Banca Sella SpA e Banca Patrimoni Sella & C. SpA) e Banca Consulia SpA. Questi nuovi e innovativi strumenti consentono un’esposizione all’indice Stoxx Global ESG Leaders Select 50.

Come funziona

Il prodotto dà la possibilità di investire in un’obbligazione con protezione del 100% del Valore Nominale in dollari USA alla scadenza massima di 4 anni. Caratteristiche principali:

  • Distribuzione delle cedole fisse: al termine dei tre anni, l’investitore riceve una cedola annua lorda fissa pari all’1,50%.
  • Rimborso anticipato a discrezione dell’emittente: al termine del secondo e del terzo anno, Societe Generale ha la possibilità di rimborsare anticipatamente l’obbligazione. In questo caso, l’investimento si estingue anticipatamente. Inoltre:
    • se il rimborso avviene nel secondo anno il 107% per il Valore Nominale (oltre alle cedole fisse dei primi due anni);
    • se il rimborso avviene nel terzo anno il 110,5% per il Valore Nominale (oltre alle cedole fisse dei tre anni).
  • Alla data di scadenza, nel quarto anno, in assenza di un rimborso anticipato da parte dell’emittente, l’investitore riceve il 100% per il Valore Nominale più l’eventuale cedola strutturata pari alla performance positiva dell’indice di riferimento.

 

 

Perché investire

Oltre alle caratteristiche, ci sono altri motivi per cui investire in questo prodotto.

  • Investire in un prodotto PIF Il Positive Impact Finance è ciò che serve a dare un contributo positivo ad uno o più dei tre pilastri dello sviluppo sostenibile (economico, ambientale e sociale), una volta identificato e mitigato qualsiasi impatto potenziale negativo su uno o più dei tre pilastri.
  • Garanzia nella valuta di emissione (USD) a scadenza pari al 100% del Valore Nominale.
  • Esposizione all’eventuale apprezzamento del Dollaro Usa nei confronti dell’Euro (o in qualsiasi altra valuta diversa da quella d’emissione) nel caso in cui l’investitore volesse convertire in Euro (o altra valuta) i flussi che riceve dall’investimento nelle Obbligazioni.

Universo d’investimento

L’obbligazione è collegata ad un indice azionario, l’Indice STOXX Global ESG Leaders Select 50, che investe in società leader di mercato secondo criteri ESG (Environmental, Social e Governance). Seleziona 50 titoli azionari, di 11 Paesi della zona euro: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Partendo dall’universo d’investimento dei titoli inclusi nell’indice Stoxx Global 1800, vengono applicati i filtri ESG, sulla volatilità e sui dividendi. Il peso di ciascun titolo nell’indice è inversamente proporzionale alla sua volatilità realizzata, con un peso massimo per singolo titolo del 10%. Il lancio di questa nuova obbligazione sottolinea ancora una volta come Societe Generale sia un emittente in prima linea sul fronte della sostenibilità. La società, infatti, si impegna a mantenere nei propri bilanci un ammontare di prestiti destinati a progetti di Positive Impact Finance pari al 100% del valore nominale delle obbligazioni in circolazione, per tutta la loro durata di vita. Il monitoraggio dei prestiti investiti nel Positive Impact Finance è realizzato sia da Societe Generale, attraverso il processo di gestione del rischio ambientale e sociale di Gruppo, sia da Vigeo Eiris, ente indipendente e pioniere nella ricerca ESG.