PIAZZA AFFARI: TLC IN LENTA MA CONTINUA DISCESA

13 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Si fa di ora in ora piu’ negativa la performance dei titoli telefonici che subiscono molteplici effetti.

Per Tim (-1,20% a €7,84) pesa il debutto odierno di Orange che e’ stata quotata nella parte inferiore della forchetta: “L’effetto Orange lo sconta soprattutto l’operatore di telefonia mobile – commenta a WallStreetItalia un analista di una Sim milanese – perche’ chi vuole acquistare il tiolo francese, vende quote di Tim”.

Su Olivetti (-1,18% a €2,6), invece, influisce l’operazione dell’aumento di capitale “con il titolo che oscillera’ – aggiunge l’analista – ancora per un po’ intorno alla quota di €2,6”.

Non hanno influito, invece, i conti presentati da France Telecom: “Il mercato resta ingessato in attesa delle parole di Alan Greenspan – commenta l’analista – per capire quale sara’ la politica monetaria della Federal Reserve prima e della Bce poi.Infatti, Deutsche Telekom, France Telecom e British Telecom hanno debiti per €197 miliardi di debiti che vanno in scadenza e che andranno rinegoziati. Chiaramente – conclude l’analista – e’ meglio farlo in un quadro di tassi in discesa”.

Telecom Italia viaggia con un ribasso dello 0,75% a €12,3.