PIAZZA AFFARI: TELECOM AIUTA LA RIPRESA

26 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Alle 12 ora italiana Piazza Affari lima ancora le sue perdite e si riporta sostanzialmente sui livelli della chiusura di ieri.

Il Mibtel segna una flessione dello 0,40%, il Mib30 scende dello 0,31. Per il Midex -0,37%.

Telecom sta aiutando la ripresa con la sua crescita dell’1,86%. Oggi si conclude l’opa (offerta pubblica di acquisto) su Seat (-1,71%); secondo alcuni analisti l’adesione nonostante tutto sarà minima.

Sempre restando all’interno della scuderia di Roberto Colaninno, domani si conosceranno i concambi in vista della fusione di Tecnost, +0,03%, e Olivetti, -1,48%, ma il mercato sembra aver già scontato tutto.

Sul Nuovo Mercato Tiscali, molto debole fin dall’apertura, segna ora un ribasso del 5,65%. Riammesse le Finmatica, che però perdono l’8,79%. Sono in flessione anche alcune banche (il settore, specie per quanto riguarda le banche di affari, soffre dopo le previsioni negative di ieri fatte dalla Goldman Sachs): è il caso di Bipo Carire, -2,57%, Fideuram, -3,53%, Mediolanum, -3,65%.

Pesante il comparto delle utilities. Cede Acea, -1,47%, e in flessione sono anche Italgas, -2,18%, Enel, -0,38%. Aem in calo dell’1,89%. Contrastati gli editoriali e media: per un titolo Espresso che cresce dell’1,57%, altri vanno a picco. E’ il caso di Mondadori, -1,43%, di Class, -2,53%, e di Mediaset, -2,57%.