PIAZZA AFFARI: SUPPORTI E RESISTENZE (TM)

9 Febbraio 2004, di Redazione Wall Street Italia

MIB30 (PC 27833)

Seduta negativa per il Mib30 che chiude a 27564 (+0,32%), dopo aver testato l’area di supporto chiave a 27350/400 (min 27397).
L’indice italiano è inserito in un canale rialzista dal marzo 2003 che ha portato le quotazioni sopra 27500 fino a testare puntualmente la resistenza a 28300 (28299 il max del 27 gennaio 2004).

Per le prossime sedute il superamento di 27800/900 farebbe riprendere il trend rialzista con primi obiettivi posti a 28300, quindi 29000/29500.
L’impostazione dell’indice fino a giugno 2004 rimane positiva (possibile obiettivo: area 31500-33500).

Negativa la violazione di 27300/350, con prosecuzione del movimento correttivo verso 26500 con estensioni difficilmente sotto 25800/26000, dove transita la media mobile a 200 giorni.

Si consiglia di attendere prima di aprire nuove posizioni lunghe.

Per l’infraday: si rimanda all’analisi sul Fib30 disponibile all’indirizzo https://www.sella.it/banca_on_line/trading/analisi/index.jsp
Per segnali operativi di trading veloce è disponibile il nuovo servizio SELLA ADVICE TRADING all’indirizzo:
www.sella.it/banca_on_line/trading/analisi/advice.jsp

Oggi parliamo di:
Mediolanum
Tim
Tiscali
Mediaset
BCA Fideuram
STM

Oggi su Sella Advice Trading / Segnali Titoli Italia strategie su:
FideuramMediolanum

www.sella.it/banca_on_line/trading/analisi/advice.jsp

MEDIOLANUM (PC 5.88)
Il titolo si muove da marzo 2003 in un canale rialzista che ha portato le quotazioni a toccare un massimo a 6.75 nella seduta del 9 dic. 03, per poi congestionare nell’intervallo 6.10/20-6.45/55. La recente debolezza del titolo ha portato le quotazioni al test dell’area di supporto a 5.55/65, dove sono tornati gli acquisti. Per le prossime sedute è possibile la prosecuzione del rimbalzo tecnico a testare 6.10, quindi l’area di resistenza chiave a 6.35/55. L’impostazione del titolo per le prossime settimane potrebbe rivelarsi laterale nell’intervallo 5.55/65-6.35/55.

Per l’infraday: finché le quotazioni stazionano sopra 5.89 il tono è rialzista con obiettivo 5.95/97. Sotto 5.89 correzione a 5.83 con estensioni difficilmente sotto 5.75.

TIM (PC 4.62)
Il movimento rialzista avviato a ottobre 2003, ha portato le quotazioni oltre la trendline ribassista che conteneva le quotazioni dai massimi di dicembre 2001 ponendo termine alla debolezza che aveva caratterizzato l’andamento del titolo nei mesi precedenti.
Nelle ultime settimane il titolo si è portato sopra 4.50, fornendo un nuovo segnale di forza e rendendo probabile la prosecuzione della salita verso i massimi di novembre 2002 a 5.00/10.
Per le prossime sedute potrebbe proseguire la pausa di riaccumulazione nel possibile intervallo 4.50/75. Debolezza al di sotto di 4.50, con discesa verso il supporto statico a 4.30.

Per l’infraday: probabile seduta laterale/rialzista nell’intervallo 4.58-4.64 con estensioni a 4.56 e 4.66.

TISCALI (PC 4.94)
Dopo il test della resistenza a 7.30/40, a inizio dicembre, il titolo ha subìto una pesante discesa, che ha condotto le quotazioni sotto l’area di supporto chiave a 5.10/13 nella seduta odierna. Il quadro tecnico risulta decisamente deteriorato e solo un pronto ritorno sopra 5.15 eviterebbe la prosecuzione della discesa verso i sostegni statici posti a 4.80, 4.50, quindi l’area di supporto a 4.00/10. Positivo il superamento di 5.30 che proporrebbe un nuovo test dell’area di resistenza chiave a 5.65/72. Solo al di sopra di quest’ultima area cesserebbero le pressioni al rialzo.

Per l’infraday: sopra 5.00/03 accelerazione rialzista a testare il livello statico a 5.10/13. Eventuali estensioni della salita incontrano l’importante area di resistenza a 5.25/30. Debolezza solo sotto 4.95 con discesa verso 5.80.

MEDIASET (PC 9.35)
Il titolo si muove in un canale rialzista da ottobre ’02, che ha portato le quotazioni sopra l’ampia area di resistenza statica a 8.75/9.00, fino a toccare un massimo a 10.15 nella seduta del 03 dicembre 2003. Dopo un movimento di congestione nell’intervallo 9.20-85 sono tornati gli acquisti sul titolo che si è riportato al test dei massimi di dicembre 2003 a 10.10/15. Per le prossime sedute finché le quotazioni stazionano sotto 9.40 il tono rimane debole, ma solo la violazione di 9.15/20 farebbe proseguire la discesa verso 9.00, con estensioni a 8.85/75. Il superamento di 9.40/45, stabilizzerebbe il quadro tecnico facendo riprendere il movimento laterale nel possibile intervallo 9.30-9.85, con estensioni a 10.10/15.

Per l’infraday: sopra 9.40 accelerazione rialzista a 9.53 ed estensioni anche nelle prossime sedute a 9.60/65. Sotto 9.30 nuova discesa a 9.20. Negatività sotto quest’ultimo livello.

Oggi segnale su Mediaset su Sella Advice Trading – Segnali Titoli Italia

BANCA FIDEURAM (PC 5.15)
Il movimento rialzista iniziato a marzo 2003 ha portato le quotazioni sopra 5.15 fino a toccare un massimo a 5.83 nella seduta del 13-11-03.
Dopo un pesante movimento correttivo a 4.60, sono tornati gli acquisti sul titolo che nella seduta del 19 gennaio si è riportato al test della resistenza chiave a 5.40/50, dove ha prevalso la lettera.
Per le prossime settimane/mesi potrebbe delinearsi un movimento laterale nell’intervallo 4.65-5.50.

Per l’infraday: finché le quotazioni stazionano sopra 5.10 il tono è decisamente rialzista con la possibilità di nuovi impulsi a testare 5.20. Sotto 5.10 correzione a 5.06 con estensioni difficilmente sotto 5.01.

STM (PC 21.65)
Il movimento rialzista avviato dopo i minimi di marzo 2003 ha portato le quotazioni a toccare un massimo a 24.70 nella seduta del 09.09.03, per poi correggere pesantemente fino toccare un minimo a 20.52 il 01.10.03, in corrispondenza di un importante supporto statico.
Dopo il massimo di settembre a 24.55 è quindi iniziato un prolungato movimento laterale tra 21.50/22.00 e 24.00/50, con progressiva contrazione della volatilità.
Nella seduta del 3 febbraio ’04, il titolo si è portato in gap down sotto il supporto chiave a 21.50. Il segnale è decisamente negativo è riporta le quotazioni al test degli importanti sostegni posti a 21.00 (media mobile a 200 giorni) e 20.50. Al di sotto di quest’ultimo livello la discesa si farebbe preoccupante con possibili target posti a 19.20 e 18.00. Un pronto ritorno sopra 21.50 allontanerebbe l’ipotesi ribassista, ma un primo segnale di forza si avrebbe solo al di sopra di 22.50.

Per l’infraday: la salita del titolo incontra l’importante area di resistenza a 22.90/22.00 la cui tenuta potrebbe determinare una seduta sostanzialmente laterale nell’intervallo 21.40/50-22.90/22.00.

LEGENDA

Brevissimo periodo: 1-2 giorni
Breve periodo: 2-10 giorni.
Medio periodo: 10-30 giorni.
Lungo periodo: oltre i 30 giorni.
PC: prezzo corrente, ovvero prezzo di mercato al momento dell’analisi.
momentum: indica la velocità/accelerazione del mercato “pesata” per i volumi.
mm: media mobile.

Il presente report dev’essere inteso come fonte di informazione e non può, in nessun caso, essere considerato un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo studio sono frutto di notizie e opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

Analisi a cura di: Giuliano Sarricchio, Ufficio Analisi Tecnica – Gruppo Banca Sella.