PIAZZA AFFARI SFRUTTA L’ALLUNGO FINALE

27 Maggio 2003, di Redazione Wall Street Italia

Con un poderoso pomeriggio il mercato italiano ha invertito la rotta per chiudere sui massimi della seduta e in territorio ampiamente positivo. Il risultato è ancor più importante considerato che il mercato ancora una volta è rimasto concentrato sui livelli di cambio dollaro-euro che anche oggi ha registrato un nuovo record a $1,19 per un euro.

Ma a fare girare i listini sono stati i dati macro americani e in particolare il consumer confidence di poco superiore alle attese di consensus.

La Borsa di Milano che già aveva dimostrato una tenuta superiore alle altre piazze europee si è fatta trovare pronta ed è andata dietro al rialzo di Wall Street con convinzione.

La corsa finale di Piazza Affari è dovuta anche al denaro arrivato sulla scuderia Pirelli. Sia Telecom Italia che Olivetti hanno infatti sfruttato l’onda della fusione che anche gli azionisti della holding di Ivrea, dopo quelli Telecom, hanno approvato ieri.

Olivetti è stato il più scambiato grazie agli arbitraggisti in azione che hanno portato a 270 milioni le azioni passate di mano.

L’EuroStoxx-tlc in Europa ha chiuso in rialzo grazie anche alla corsa di France Telecom, oggetto di diverse valutazioni.

Nella scuderia di Tronchetti Provera buono anche l’andamento di Tim e Seat Pg in attesa che, dopo l’affaire Oli-Telecom, il board si concentri sulle dismissioni del business delle Pagine Gialle.

Sotto il comparto telefonico troviamo quello tecnologico con il rimbalzo di Stmicro che ha seguito quello dell’indice Sox dei semiconduttori. La società italo-francese ha inoltre confermato le previsioni sul fatturato e sui margini lordi del secondo trimestre affermate lo scorso 23 aprile. Il fatturato dovrebbe attestarsi nel range degli $1,68-$1,72 miliardi e i margini lordi dovrebbero essere di circa il 36%.

La corsa di Stm ha trascinato con se anche la controllante Tim e Finmeccanica.

In denaro anche Autostrade ai massimi di sempre, Tim e Mediaset.

In ribasso Fiat che ha sofferto le incertezze del settore a livello europeo.

Il ribasso dei finanziari è rientrato nel pomeriggio e anche il comparto assicurativo ha recuperato il passivo dopo i dati e soprattutto le mancate previsioni del colosso olandese Fortis su cui comunque S&P non ha cambiato idea.

Sul Midex prosegue il rimbalzo di Milano assicurazioni che potrebbe avere presto un nuovo padrone.

Tra i bancari il titolo che ha fatto meglio è stato Unicredito dopo il giudizio positivo degli analisti di Morgan Stanley.

In calo Parmalat malgrado la corsa mattutina.

Sul Nuovo Mercato sono salite sia Tiscali che E.Biscom. Il passivo peggiore è quello di Data Service dopo il taglio delle stime di crescita.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina