PIAZZA AFFARI RIMBALZA, MA VINCE LA PRUDENZA

5 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Per Piazza Affari oggi è giorno di rimbalzo rispetto ai livelli ai quali era arrivata ieri.

La reazione che si fotografa sugli indici a metà giornata mostra tuttavia dei miglioramenti tutto sommato modesti, intorno al mezzo punto percentuale se si esclude il Numtel, rispetto alla vigilia.

E anche guardando i valori dell’apertura odierna l’immagine che si ha è quella di un mercato che prende ciò che c’è da prendere ma ancora con molta cautela.

Del resto, le parole che ieri ha pronunciato il presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, propongono un quadro ancora a due facce: l’economia Usa, ha detto in sostanza Greenspan, è “sorprendentemente positiva”, anche se il recupero va avanti gradualmente.

C’è da sperare che la buona chiusura di ieri del Nasdaq, che già ha prodotto i suoi effetti benefici fin dalla mattina sulla borsa di Tokio e sui mercati europei, unita alla crescita dei future sugli indici Usa, diano una spinta aggiuntiva all’avvio di New York e, di conseguenza, alla seconda parte delle contrattazioni in Italia e nel vecchio continente.

La borsa di Milano ha oggi alcuni temi dominanti.

Innanzi tutto c’è Fiat: gli investitori sembrano favorevolmente interessati al piano di ripianamento del debito, e meno preoccupati dei dati sulle immatricolazioni di nuove auto a maggio.

Al pool di banche che è sceso in aiuto del Lingotto si è aggiunta ieri anche Unicredito che tuttavia ripiega.

Buona invece la performance di IntesaBci, dopo le indiscrezioni circolate oggi, attraverso il quotidiano Sole24Ore, secondo le quali l’istituto di credito milanese sarebbe a un passo dal riavere $213 milioni da Enron.

Altro tema del giorno è il denaro che corre verso il risparmio gestito, in attesa che nel pomeriggio vengano diffuse le anticipazioni di Assogestioni sulla raccolta dei fondi a maggio.

Ancora: cresce Stmicroelectronics insieme al tech europeo.

La situazione tuttavia è molto fluida. Da una parte ci sono livelli di prezzo molto bassi; dall’altra il mercato deve confrontarsi con diversi fattori di disturbo.

Innanzi tutto uno scenario di settore ancora molto incerto, specialmente dopo che Ibm ha annunciato la sua prima perdita dopo otto anni, e dopo che Flextronics, azienda Usa che produce in outsourcing apparecchiature elettroniche per i principali colossi del settore, ha lanciato un profit warning relativo al secondo trimestre di quest’anno.

Inoltre si attende il 10 giugno per vedere le mosse dei principali azionisti di Stm, cioè Finmeccanica e France Telecom: quel giorno è in scadenza il lock-up, cioè l’impegno a non vendere.

Sempre sul Mib30 cede Eni, sulla scia del calo del prezzo del petrolio. Oggi si svolge un consiglio di amministrazione del gruppo energetico italiano per la conferma dell’amministratore delegato, Vittorio Mincato, e la definizione delle deleghe al nuovo presidente, Roberto Poli.

Ritorna il denaro su Pirelli e su tutti i titoli del gruppo di Marco Tronchetti Provera. Telecom Italia ha registrato un giudizio positivo da parte di una importante banca d’affari.

Il gruppo telefonico, secondo indiscrezioni apparse oggi sulla stampa italiana, sta per cedere Telespazio a Finmeccanica. La valutazione di Telespazio è intorno ai €350 milioni.

In ribasso Bulgari, su cui pesa anche la conferma di un “Reduce”, cioè ridurre, da parte di Ubs Warburg.

Il comparto del lusso registra una certa animazione e appare contrastato, con titoli come Rotondi Evolution che segna uno dei maggiori rialzi di Piazza Affari all’indomani dell’offerta lanciata dalla
famiglia Trussardi.

In calo anche Tod’s, sul Midex. La sensazione è che il mercato si prepari ad accogliere l’imminente collocamento di Prada, alleggerendo altrove le proprie posizioni all’interno del comparto.

Rialzo per Tiscali sul Nuovo Mercato: il gruppo ha confermato l’indiscrezione a proposito dell’imminente lancio di un bond.

Il calo peggiore tra i titoli del Numtel è di Tecnodiffusione.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours, clicca in MERCATI nella sezione PIAZZA AFFARI.