PIAZZA AFFARI RIDUCE LE PERDITE, MIDEX POSITIVO

9 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari recupera un po’ e riduce le sue perdite. Il Mibtel segna -0,17%; il Mib30 è a -0,25%. Passa in positivo il Midex, con un +0,13% che conferma l’ottimo passo già dimostrato ieri.

Tra i titoli da segnalare, il recupero di Olivetti, +0,23%, e Tecnost, +0,55%, in attesa della prossima fusione. Tra i migliori, Banco di Napoli, +3,64%. Non ne approfitta Banca Intesa, che sarebbe in trattative con la Banca d’Austria, ma perde lo 0,28%.

Tra i peggiori, sul Nuovo Mercato si distinguono Cdb Web Tech, che lascia il 4,09%, e Freedomland, -3,79%. Vanno male anche Tim, -2,43%, e La Fondiaria, -2,32%.

Chiuso il capitolo dei migliori e dei peggiori, una segnalazione a parte merita Ifil in forte rialzo fin dall’apertura. Anzi, in avvio il titolo di casa Agnelli segnava un rialzo del 5,4%; ora ha ridimensionato la sua crescita a un pur ottimo +3,27%.

Dopo la caduta seguita all’accordo tra Fiat e Gm, Ifil recupera sulle voci che riferiscono di possibili suoi ingressi nel settore delle telecomunicazioni. Oggi il quotidiano “La Repubblica” afferma tra l’altro che la finanziaria torinese è pronta a entrare nell’Umts (telefonino di terza generazione che consente di ricevere e inviare dati tramite Internet).

Le voci sono state smentite dai vertici della società, che conferma invece l’interesse del Gruppo a sviluppare i propri business in quei settori di raccordo fra old e new economy.

Ancora un accento su un altro titolo in forte rialzo sia nei prezzi che nei volumi. Dalmine segna +8,8% a 0,2895 euro (un euro vale 1936,27 lire), con scambi che hanno già superato il volume registrato nell’intera seduta precedente (quasi 4,5 milioni di pezzi passati di mano contro 3,48 milioni).

Secondo alcuni operatori non ci sono motivi particolari che sostengono il titolo, sul quale
fino a un po’ di tempo fa circolavano voci di un’opa (offerta pubblica di acquisto) ostile. Per ora si attendono i dati di bilancio.