Società

PIAZZA AFFARI RESTA FERMA IN ATTESA DI WALL STREET

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Apertura di settimana in denaro per Piazza Affari che vede salire gli indici grazie in particolare al recupero degli energetici e ai guadagni segnati dalla scuderia Pirelli.

La giornata si sta movendo sulle indicazioni che arrivano da oltreoceano e dai future sugli indici USA che nel loro recupero hanno trainato anche Piazza Affari in positivo dopo una partenza debole.

La seduta comunque non è certo delle più esaltanti e anzi pare trascinarsi stancamente: “Il mercato è fermo con pochi scambi in attesa dell’avvio dei mercati USA. Il listino è aiutato dal recupero di ENI sulle ipotesi di taglio alla produzione da parte dell’OPEC” ha commentato Francesco Amici, trader di Cofin SIM.

“Il denaro premia al momento anche i telefonici che hanno dimostrato di saper recuperare bene. Il sentiment sul settore non è ancora positivo, ma è comunque migliorato” ha detto l’operatore.

Il mercato appare piatto anche in attesa dei tanti appuntamenti macro-economici della settimana, come il Beige Book di mercoledì, la riunione del board della BCE o il dato definitivo sulla fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan di venerdì.

Il Mibtel al momento guadagna lo 0,32%, il Mib30 lo 0,40% e il Numtel l’1,41%. In calo frazionale invece il Midex a -0,16%.

Tra i titoli che oggi erano attesi sotto i riflettori troviamo Bipop Carire alla prova del mercato dopo il consiglio d’amministrazione fiume di venerdì. Il titolo bresciano è tra i peggiori del Mib30 malgrado i tentativi del board di tappare le falle che si stanno aprendo nell’istituto. Di oggi nuove indiscrezioni sulla vendita della controllata Azimut. Il titolo nella seduta odierna è stato colpito anche da una serie importante di downgrade. (SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:
PIAZZA AFFARI: FINANCIAL TIMES, BIPOP VENDE AZIMUT
PIAZZA AFFARI: UPGRADINGS & DOWNGRADINGS/3)

Sul fronte del credito tengono gli altri titoli del risparmio gestito, mentre cede Mediobanca su cui si verificano le prese di beneficio dopo i rialzi delle ultime sedute. Bene invece San Paolo Imi la cui operazione su Cardine è stata considerata positiva dal mercato. Il titolo oggi ha però subito un downgrade di UBS Warburg. (SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:
PIAZZA AFFARI: SAN PAOLO IMI, SANTANDER AL 10%?
PIAZZA AFFARI: UBS WARBURG TAGLIA BANCARI)

In denaro gli energetici grazie alle attese per un recupero delle quotazioni del greggio che oscillano sempre poco sopra i $21. Ad avvantaggiarsene maggiormente sono Saipem ed ENI che nella scorsa ottava avevano registrato la fuga degli investitori. (SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:
PIAZZA AFFARI: VOCI TAGLI SPINGONO ENERGETICI)

Tra i comparti che sono in deciso guadagno troviamo i telefonici guidati da Olivetti che sale di oltre tre punti percentuali e con più di 30 milioni di azioni passate di mano. Nel fine settimana si è ripreso a parlare della necessità per il gruppo guidato da Pirelli-Benetton di ridurre la catena di controllo sul gruppo telefonico e sulle linee da perseguire è intervenuto Gilberto Benetton. (SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:
PIAZZA AFFARI: SCUDERIA PIRELLI IN FIBRILLAZIONE
PIAZZA AFFARI: I TITOLI DA TENERE D’OCCHIO)

Viaggia sulle quote della vigilia STMicroelectronics, mentre cede la controllante Finmeccanica. Il Credit Suisse First Boston ha confermato oggi il rating di hold su Stm pur rivedendo al ribasso le stime di utili per azione 2002 dopo la presentazione dei dati del terzo trimestre 2001. “I risultati sono stati solidi considerando le attuali condizioni dei mercati e riflettono ancora una volta le qualità intrinseche della società” hanno precisato gli analisti svizzeri.

Denaro sul Nuovo Mercato che segue la scia del Nasdaq. Guadagnano terreno molti titoli tra cui Tiscali che si tiene tra il supporto dei €7 la resistenza degli €8. (SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:
NUOVO MERCATO: AVANZANO TXT, DATAMAT E TISCALI
NUOVO MERCATO: GANDALF NON FA PREZZO)