PIAZZA AFFARI: PRE-APERTURA BENE INTONATA

8 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Oggi Piazza Affari rimane aperta nonostante la festa dell’Immacolata anche se, con le banche chiuse, le contrattazioni sono destinate a spostarsi su Internet o sui call-center.

Dopo una chiusura negativa a New York e una mista in Asia, l’Europa prova a dire qualcosa di suo: lo stanno dimostrando le principali Piazze del continente, che hanno mosso i primi passi in positivo, e lo sta dimostrando anche il Fib30, rialzista in avvio.

Il contratto futures sulle trenta blu chip segna in apertura una crescita di 272 punti a quota 45.720 (+0,60%).

Per la Borsa sarà comunque un’altra giornata di incertezza: il mercato, in vista anche delle importanti scadenze tecniche della prossima settimana, sembra orientato verso una fase di attesa con un occhio ad alcuni importanti supporti, la cui violazione rischia di compromettere seriamente al ribasso l’attuale movimento.

Inoltre si attendono per oggi i dati sulla disoccupazione americana, per la quale gli analisti prevedono un rialzo al 4%, a conferma dell’effettivo rallentamento dell’economia USA. E’ attesa anche, nel corso del week-end, la revisione degli indici mondiali di Morgan Stanley.

Ieri il Mibtel, commenta un analista, ha accusato una nuova flessione, peraltro anticipata dalla chiusura in calo di due giorni fa.

L’orientamento, aggiunge, “deve essere impostato alla massima cautela tenendo presente per l’indice telematico l’importante supporto in area 31.000; una chiusura sotto questo livello rischierebbe di indirizzare il mercato verso l’area di 30.000”.

Il suggerimento dell’analista e’ di restare alla finestra in vista anche delle importanti scadenze tecniche della prossima settimana.

Ieri il Mibtel ha chiuso a –0,69%; il Mib30 a –0,74%. Negativi il Midex (-0,10%) e il Nuovo Mercato (-3,14%). Il fib30 ha perso l’1% a 45.500 punti.