PIAZZA AFFARI POSITIVA TRAINATA DAI TITOLI TMT

14 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari a metà giornata conferma l’impostazione positiva della seduta, beneficia dei segnali rassicuranti dei future, ma resta indietro rispetto alle altre borse europee.

Sul Mib30 il titolo che guadagna più di tutti percentualmente è Stmicroelectronics, ma aumenti consistenti si notano anche per le banche, come Intesa e Unicredito che beneficia del giudizio positivo di Merril Lynch, i telefonici e gli editoriali come Mediaset.

Il titolo non risente al momento del taglio del target price da parte di Lehman Brothers, né della stabilizzazione della situazione in casa Rai con la nomina a presidente di Lucia Annunziata, e nemmeno degli ultimi dati sulla raccolta pubblicitaria. I titoli del comparto salgono anche sul Midex.

In rialzo Tim e Telecom Italia che è tornata sui livelli che precedevano l’annuncio del piano di riassetto della galassia di Marco Tronchetti Provera.

Buon passo per Seat Pagine Gialle per la quale l’ex amministratore delegato, Lorenzo Pelliccioli, starebbe preparando un’offerta di acquisto; positiva Pirelli; in leggero calo Olivetti.

Positiva Fiat su cui si articolano indiscrezioni sui rapporti con gli americani di General Motors.

Oggi il gruppo francese Axa ha detto di non nutrire particolare interesse per Toro, controllata dal Lingotto.

Attenzione e attesa per il consiglio di amministrazione di Mediobanca. Si vocifera sull’arrivo di una possibile censura del numero uno, Vincezo Maranghi, da parte di Unicredito e Capitalia.

Tra i pochi titoli in negativo figurano Autostrade di cui si svolge oggi il consiglio di amministrazione, Snam Rete Gas, Enel e Eni.

Su Enel pesa il sospetto, nutrito dalla Commissione Ue, che la controllata Wind abbia ricevuto aiuti statali. Enel è controllata per il 68% dal ministero del Tesoro. La Ue ha chiesto chiarimenti al governo italiano.

Si pensa che la ricapitalizzazione di Wind sia stata approvata da Enel nonostante un ritorno previsto sull’investimento più basso di quello normalmente richiesto dal gruppo elettrico per le sue attività.

Secondo quanto si apprende, Enel avrebbe poi concesso a Wind l’utilizzo della sua rete di cavi a fibre ottiche a prezzi inferiori ai costi, ledendo così la concorrenza.

Su Eni pesano invece le voci, peraltro smentite poco fa, delle dimissioni dell’amministratore delegato Vittorio Mincato.

Sul Midex vola il lusso con Tod’s e Bulgari. Positiva Popolare Lodi, mentre comunque c’è grande attenzione sul comparto dopo la nascita della Superpopolare, che ha ricevuto la benedizione della Banca d’Italia.

Sul Numtel resta sospesa anche oggi Gandalf.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana