PIAZZA AFFARI: LUCI SU OLIVETTI E BANCA TOSCANA

10 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

A poco a poco, Piazza Affari sale. Alle 10,30 ora italiana l’indice Mibtel si apprezza dello 0,68%; meglio fa il Mib30 con +0,81%.

I telefonici sono tutti in recupero; il mercato, così come nel resto di Europa, mostra di non farsi influenzare troppo dalla performance negativa di ieri a Wall Street; piuttosto, si lascia trainare dalle buone prospettive aperte proprio a New York da alcuni dati positivi (come gli utili della Cisco).

Dunque, riflettori di nuovo puntati su titoli come Olivetti, +3,19%, Tecnost, +2,91%. Ieri si temevano gli impegni finanziari legati alla telefonia Umts; oggi si torna a guardare, piuttosto, alla prossima fusione tra le due holding.

Agli inizi della prossima settimana i consigli di amministrazione di Tecnost e Olivetti dovrebbero riunirsi per valutare l’operazione, il cui principale scopo è quello di semplificare la gerarchia di gestione di Telecom. Nel settore, Tim prende l’1,74%.

Ma se i telefonici viaggiano bene, i bancari oggi sono addirittura brillanti. Nel settore spicca per vivacità il titolo della Banca Toscana, che guadagna il 4,3% a 3,59 euro (un euro vale 1936,27 lire). Già ieri si era notato un apprezzamento del 5,16%.

Tanto dinamismo è legato alle voci dell’imminente varo da parte della capogruppo Monte Paschi della holding che dovrebbe raggruppare Banca Toscana e Bam.