PIAZZA AFFARI INGESSATA A META’ SEDUTA

21 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari si fa trovare ingessata al giro di boa di metà seduta, in attesa che dagli USA arrivi il dato sull’inflazione americana di gennaio atteso per le 14:30 ora italiana: “è un tassello fondamentale – spiega l’analista di una banca italiana – in quanto servirà alla Federal Reserve per fare il punto della situazione e definire le prossime mosse di politica monetaria”.

In queste condizioni il mercato si muove poco e, se lo fa, va in negativo. Il Mibtel lascia l’1,05% a 28.482 punti, il Mib30 perde l’1,20% a 40.650 punti, il Numtel, indice del Nuovo Mercato, lascia lo 0,92% a 4,186 punti.

“Avevamo per il Mib30 un supporto a 40.800 punti – spiega Antonio Federico di Dresdner Kleinwort Albertini Sim – ma ce lo siamo mangiato; ora il nuovo supporto è a quota 40.550-40.600. Speriamo che tenga”.

I volumi sono scarsi, intorno a €1,1 miliardi. Alcuni titoli si stanno comunque mettendo in luce. E’ il caso, per esempio, di Mediaset, che guadagna lo 0,90% a €11,18. “Sul titolo oggi è un baillame di voci: Berlusconi vende oppure no? E a chi? – racconta Federico – inoltre si capitalizza il dato sulla raccolta pubblicitaria diffuso ieri, che è stato migliore delle attese”.

Sempre in campo editoriale si muove abbastanza bene anche Seat, che guadagna lo 0,90% a €1,65. “C’è comunque ancora molta incertezza sul titolo – dice l’operatore – dopo il secondo no dell’Authoority per le telecomunicazioni all’acquisizione di TMC. (Vedi Piazza Affari torna positiva grazie ai media)

Essendo passati con Seat nell’orbita di Roberto Colaninno, un’occhiata anche a Olivetti, in crescita dello 0,35% a €2,39. L’operatore di Dresdner Kleinwort parla di “titolo dopato”, tenuto su, secondo voci di mercato, da acquisti difensivi effettuati da parte di mani vicine a Olivetti.

Tra i titoli industriali del Mib30, si mette in luce Fiat. che sale dello 0,15% a €26,88 grazie a un riposizionamento del mercato nel settore dell’auto dopo che Fiat Auto ha pronosticato nei giorni scorsi una crescita dell’8% nella vendita di automobili.

Bene anche Pirelli, €4 su posizioni sostanzialmente invariate, nonostante il numero uno Marco Tronchetti Provera abbia negato la ventilata distribuzione di un superdividendo. Il mercato attende la valutazione di una casa di brokeraggio britannica, la Salomon Schroeder, con possibile target price a €5,20.

Sulle montagne russe il Nuovo Mercato che anche oggi ha registrato il tentativo si roimbalzo di Tiscali rientrato pero’ a meta’ mattinata. (Vedi Piazza Affari: Si sgonfia il rimbalzo di Tiscali)