PIAZZA AFFARI IN LEGGERO RIALZO, BRILLA STM

27 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo una giornata iniziata malino e conclusasi meglio.

L’effetto WorldCom (WCOME – Nasdaq) ha pesato anche oggi sul mercato italiano e su quelli mondiali.

Il timore che ci possa essere un nuovo caso Enron ha fatto predicare prudenza, sebbene alcuni titoli siano stati protagonisti di importanti performance. La Sec, la Consob americana, ha deciso di formulare un’accusa formale di frode contro la società Usa.

A metà giornata il mercato, seppur positivo, era attento a non sbilanciarsi.

Le positive notizie provenienti dai dati macroeconomici Usa, come i sussidi di disoccupazione settimanali, diminuiti di 10.000 unità, a quota 388.000, e soprattutto il Pil del primo trimestre, cresciuto al 6,1% e rivelatosi migliore anche al di sopra delle aspettative (+5,6%), hanno spinto il listino sui massimi del giorno.

Molto positive anche le note di Lehman Brothers sui chip, di Bear Stearns sulle infrastrutture per i semiconduttori, di Goldman Sachs sugli utili del colosso informatico Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq) e le rassicurazioni di Motorola (MOT – Nyse) sul secondo trimestre e sul 2002.

L’apertura di Wall Street è stata all’insegna dell’entusiasmo, ma poi investitori e operatori hanno preferito puntare sui realizzi.

Il calo dei mercato, soprattutto di quello americano è legato alle dichiarazioni del Presidente Usa George W. Bush, che ha detto di temere per l’impatto del caso Worldcom sull’economia.

Fa storia anche il caso Yahoo! (YHOO – Nasdaq), che è crollato senza apparenti motivi, trascinando con se anche i principali Isp europei.

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER. Abbonati subito!

Il Mibtel è salito a 19.834 punti (+0,47%).
Il Mib30 ha raggiunto quota 27.016 punti (+0,24%).
Il Midex ha guadagnato l’1,67% a 25.281 punti.
Il Numtel ha chiuso a 1.471 punti (+0,75%).

Il ribasso più consistente l’ha fatto segnare IntesaBci, penalizzata dall’esposizione dell’istituto bancario con il colosso tlc Usa.

Il comparto è a rischio, in Italia e in Europa, visto che sono molte le società che hanno fatto credito a WorldCom.

In fondo al Mib30 ci sono anche Eni ed Enel, penalizzate dalla decisione del Governo di costringere i due colossi a cedere le reti di distribuzione di energia.

C’è da aggiungere, però, che la decisione del governo era stata ben accolta dalle principali banche d’affari.

Maglia rosa di oggi è stata Stmicroelectronics, che ha trascinato, anche la controllante Finmeccanica nonostante la debolezza di Alcatel.

Positiva anche Fiat, che dopo la nomina di Galateri ad amministratore delegato aveva fatto segnare un bel rimbalzo.

Poi il titolo ha ritracciato, dietro la notizia che il titolo del colosso automobilistico General Motors (GM – Nyse) è stato sospeso. Le voci di mercato parlano di possibili irregolarità contabili (GM – Nyse) per il socio forte di Fiat.

Bene anche i telefonici italiani, mentre Seat Pagine Gialle ha perso nel finale tutti i guadagni costruiti in giornata, così come Mediaset.

In evidenza invece Viaggi del Ventaglio dopo importanti accordi commerciali, mentre sul Numtel oggi è stato il giorno di Biosearch e Gandalf, sospesa più volte per eccesso di rialzo. I due titoli sono stati tra i migliori della giornata.

La peggiore del listino high tech è stata Tiscali, che perde quota sulla scia del report negativo di JP Morgan (underperformer a €4) e dopo il calo di Yahoo!

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Piazza Affari