PIAZZA AFFARI IN DENARO SPINTA DA TECH E TLC

24 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso in denaro, sfruttando l’onda rialzista maturata nel giro di boa, e spinta in particolare dal rialzo di tecnologici, telefonici e dai titoli del risparmio gestito.

“L’apertura di Wall Street – prosegue un operatore di una primaria sim straniera, che preferisce non essere citato per politica aziendale – e l’intervento di Alan Greenspan hanno confermato quanto di buono ci si aspettava dalla giornata. La ripresa potrebbe essere vicina, ha detto il presidente della Federal Reserve, la banca centrale degli USA”.

Il Mibtel ha chiuso a 22.690 punti (+0,67%), il Mib30 è arrivato a 31.891 punti (+0,73%), il Midex, ha terminato la seduta in rialzo dello 0,29% a 26.016 punti, mentre il Numtel è salito a 2.376 punti (+1,37%).

“A dare il “là” al rialzo – prosegue l’operatore della sim straniera – sono stati comunque i risultati comunicati dal colosso finlandese della telefonia mobile Nokia, non già per i dati ma per le prospettive del comparto nel 2002”.

“Anche i dati resi noti dall’Isae sulla fiducia delle imprese italiane – prosegue l’operatore – sembrano dare dei segnali di ripresa dell’economia e dei consumi”.

Di queste notizie hanno beneficiato i titoli della scuderia di Marco Tronchetti Provera, con Telecom Italia e Olivetti in evidenza. Bene anche TIM e Pirelli.

Sul fronte del risparmio gestito si è segnalata la buona performance di Bipop Carire all’indomani del via libera all’integrazione con Banca di Roma. Il titolo dell’istituto bresciano, in rialzo fin dall’apertura è stato oggi al centro di voci e speculazioni e ha esteso i benefici a tutto il comparto del risparmio gestito, come dimostrano i guadgani messi a segno oggi da Mediolanum e Fideuram.

I tecnologici sono stati l’altro aspetto positivo della giornata, con STMicroelectronics che si è rilanciata dopo il calo di mercoledì, all’indomani della pubblicazione dei dati di bilancio. “Sono in molti a credere nel titolo – dice ancora l’operatore – e lo dimostra il fatto che oggi il titolo si sia ripreso dalle perdite di ieri”.

Molto richiesta anche Finmeccanica, che ha chiuso in rialzo nonostante la notizia, peraltro dal gruppo, che Eads ha interrotto le trattative per un accordo a livello europeo.

Hanno tenuto bene anche i media, con Mediaset che ha subito un rating negativo da parte di Merrill Lynch.

Sul Midex ha chiuso molto bene Alitalia dopo l’incontro con il governo, che ha promosso una serie di incentivi economici e fiscali per rilanciare la compagnia di bandiera. Il titolo ha anche superato l’importante resistenza a quota €1.

Debole chiusura invece Fondiaria e Sai, dopo che la compagnia assicurativa controllata da Salvatore Ligresti avrebbe chiesto al Tar del Lazio la revisione della decisione Consob sulle azioni Fondiaria in mano a Montedison.

Sul Nuovo Mercato grande spunto di Gandalf, dopo il via libera della Consob all’aumento di capitale, e soprattutto di Tiscali, schizzato in alto dopo l’intervento del suo fondatore, Renato Soru.

Il presidente della società sarda ha detto che “l’Ebidta del 2002 sarà sostanzialmente positivo”. Il titolo, secondo gli analisti, ha iniziato la corsa verso la resistenza a €10.