PIAZZA AFFARI IN ATTESA A META’ SEDUTA

8 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari è negativa a metà seduta. Pochi i temi, molta l’attesa: sul fronte americano oggi arrivano i dati sul costo del lavoro e la produttività nel primo trimestre 2001 e le vendite all’ingrosso a marzo; inoltre, questa sera, saranno diffusi i risultati trimestrali di Cisco; sul fronte europeo tutti gli occhi sono puntati alla riunione della Banca Centrale Europea di giovedì, dalla quale il mercato attende qualche novità sul fronte dei tassi di interesse della zona euro.

Il clima di attesa si fa sentire anche in Europa, dove i principali indici sono piatti sulle quote della vigilia. Gli EuroStoxx segnalano l’indecisione del momento con vendite su tecnologici, telefonici, assicurativi e bancari. (Vedi anche Borse Ue piatte aspettando Wall St e dati Usa)

A Milano il Mibtel è a -0,77%, il Mib30 a -0,86%, il Midex a -0,36%, il Numtel a -1,06%.

Tra i titoli che più di altri hanno movimentato fin qui la giornata c’è Mediaset (-4,64% a €12,24). “I volumi non sono elevati – spiega a WallStreetItalia Daniele Tolusso, operatore equity sales di Uniprof – il che significa che si lavora molto sul fronte della speculazione, che forza la mano sull’onda delle ultime notizie. Tolusso si riferisce alla retromarcia di Silvio Berlusconi che prima aveva annunciato e ora smentito l’annuncio di novità sulla proprietà di Mediaset, in vista delle elezioni politiche di domenica prossima e nel quadro della questione del conflitto di interessi. L’operatore racconta anche “il fastidio del mercato al momento dell’annuncio di una successiva dichiarazione televisiva”, che appunto sarebbe dovuta avvenire venerdì prossimo nel corso del Tg5.
(Vedi Piazza Affari: il mercato punisce Mediaset).

In calo, nel comparto industriale, STMicroelectronics (-1,75% a €43,80) e la controllante Finmeccanica (-0,17% a €1,18) dopo la notizia di una riduzione della quota in STM da parte della stessa Finmeccanica e di France Telecom.
(Vedi STM: FT e Finmeccanica riducono quota a 35%)

Va giù anche Montedison (-1,18% a €3,19) che potrebbe aver iniziato la fase delle prese di beneficio dopo la folle corsa delle ultime settimane.

Sale invece Pirelli (+2,28% a €3,64) sulla scia dei risultati trimestrali e delle previsioni per il 2001.
(Vedi Utili: Pirelli, utile operativo +38,1% 1° trim).

In calo tutto il comparto telefonico, con Olivetti in testa, cedente l’1,62% a €2,49; la galassia di Roberto Colaninno vede però almeno un titolo in crescita: si tratta di Seat Pagine Gialle (+0,73% a €1,23). Tolusso non sa al momento spiegare questa tenuta del titolo: è possibile, dice, che abbia trovato il suo livello di supporto.

A perdere terreno è pure il risparmio gestito, come dimostra Bipop Carire che accusa il calo più vistoso: -1,91% a €5,38: “strano mercato, il nostro – dice l’operatore di Uniprof – attendeva risultati negativi sulla raccolta e ha cominciato a vendere; poi i risultati sono stati positivi e invece di tornare a comprare tiene giù il settore; e poi, quelli che vendono sono gli stessi che prima avevano acquistato”.

In rialzo Alleanza (+1,59% a €12,05) dopo il tracollo della scorsa settimana.
(Vedi Alleanza Assicurazioni e la prova dei numeri e Piazza Affari: cosa aspettarsi oggi).

Sul Nuovo Mercato caduta libera di Cdb Web Tech (-10,54% a €4,60) dopo i risultati diffusi ieri.