PIAZZA AFFARI, GIORNATA SI’

25 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Poca storia: la giornata è di quelle “sì”, di quelle che invitano all’acquisto dopo che il ribasso della vigilia ha reso estremamente appetibili alcuni titoli. Resta sempre alta la volatilità.

Alle 12,30 il Mibtel a Piazza Affari sale dell’1,51%, il Mib30 guadagna l’1,69% e il Midex si limita a un +0,98%.

E’ soprattutto il Nuovo Mercato a guidare il rialzo, sulla scia di quanto ha fatto ieri il Nasdaq. Tutti i titoli del comparto sono positivi se si eccettua Poligrafica San Faustino, in calo di un modesto 0,22%. Molto buona Tiscali, in rialzo invece del 4,86%.

I telefonici sono contrastati, con un’ottima Telecom a +3,73% e una buona Tim a +1,48%; anche Seat si distingue con un elettrizzante +4,01%. Al contrario, perdono terreno Olivetti, -1,4%, e Tecnost, in ribasso dello 0,73%.

Da segnalare Enel, a un soffio dal massimo storico (4,82 euro; un euro vale 1936,27 lire); in questa fase il titolo passa di mano a 4,76 euro (+2,61%), ai livelli massimi della giornata.

Per Eni rialzo più contenuto, a ridosso della soglia psicologica dei 6 euro per azione, già toccata in apertura. Al momento, i titoli Eni quotano 5,99 euro (+0,84%).

Tra le utilities cresce Acea, +1,52%, ma scende Italgas, -1,48%. Contrastati i bancari, con una giornata no per Bipop, a -3,27%. In calo anche Monte Paschi, -0,03%; in recupero Banca Profilo, +0,36%.