PIAZZA AFFARI: GENERALI IN CALO. PERCHE’?

6 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A Piazza Affari il titolo Generali è in calo dello 0,51% a €37,40.

Il titolo sta cedendo nonostante le scommesse del mercato sul fatto che il gruppo assicurativo triestino è il bottino di guerra, il premio finale dello scontro tra gli Agnelli e Mediobanca (Vedi Terremoto a Piazza Affari).

Simone Cennini, analista di Uniprof, ricorda a Wall Street Italia che il titolo ha recuperato €2 dalla scorsa settimana, da prima cioè che partisse il blitz di Fiat su Montedison: “quello di oggi è dunque un ritracciamento – dice – a questi prezzi il titolo è correttamente valutato”.

Afferma l’analista di un’altra Sim, che per politica aziendale non può essere citato, che “vista la situazione, e considerando le prospettive che lasciano intravedere la possibilità di un’opa sul gruppo assicurativo, non mi meraviglierei se il titolo crescesse ancora: ma a quel punto il rialzo sarebbe basato non sui fondamentali, quanto sul premio-opa, o premio-maggioranza; il prezzo attuale è equilibrato, tutto ciò che dovesse venire in più sarebbe frutto di speculazioni in vista di cambiamenti nell’assetto azionario”.

Ma perché oggi il titolo scende? Lo spiega a Wall Street Italia Cristina Peccati, analista tecnica di Centrosim.

“Sul medio periodo sono positiva su Generali, che mi aspetto di veder crescere fino a €40-€41; il problema di adesso è che ha un gap-up aperto”.

In altre parole: quando la sera il titolo chiude a un certo livello, in rialzo, e la mattina apre a un livello superiore sulla spinta di una forte domanda in pre-apertura, si crea una sorta di buco tra i due prezzi.

A quel punto il mercato va a colmare quel buco, quel gap, con un ribasso. Va insomma a coprire tutti i livelli di prezzo “saltati a piè pari” tra la sera e la mattina.

“Detto questo – continua Peccati – Generali sta alle soglie di una resistenza statica di €38,20 e in questo momento fatica a forzarla. Chi vuole entrare sul titolo è meglio che aspetti: è in atto una correzione fisiologica che tuttavia non compromette il trend rialzista sul medio termine”.

Secondo l’analista di Centrosim, il titolo correggerà fino a €36-€35,80 per poi ripartire verso l’alto.