PIAZZA AFFARI: E.BISCOM GIA’ GUARDA ALL’ESTERO

30 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

“Contiamo di espanderci rapidamente all’estero”: in un incontro con la stampa nel primo giorno di quotazione in Borsa, l’amministratore delegato di e.Biscom Silvio Scaglia già guarda oltre, specificando tuttavia di tenere al primo posto l’interesse per l’Italia.

“Le acquisizioni all’estero sono comunque viste in funzione di creare degli start up”, ha aggiunto Scaglia, “anche se al momento non ci sono fatti concreti di cui possa parlare”.

Soddisfatto dell’andamento in Borsa, specie in una giornata difficile come quella odierna, il vertice della società non dimentica certo la prima priorità, “che è quella di dotarci della capacità di crescere allargando il team di persone”.

Un accenno ovviamente anche a Fastweb: “nel prospetto informativo c’è l’impegno di quotare Fastweb entro il 2005, ma la volontà è di anticipare la quotazione in un orizzonte di 12-18 mesi”, ha detto ancora Scaglia.

In quel caso e.Biscom diventerà una holding, “ma non sono preoccupato che il titolo sia penalizzato e quoti con un discount, visto che si tratta di un’azienda operativa che agisce come contenitore di competenze”.

In Borsa il titolo viene scambiato in questo momento a 229 euro (un euro vale 1936,27 lire).