Società

PIAZZA AFFARI CHIUDE SUI MINIMI DIETRO AL NASDAQ

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Piazza Affari chiude in profondo rosso come il resto d’Europa dopo che gli indici americani sono precipitati con il Nasdaq che ha sfondato a ribasso la quota dei 1.700 punti e il Dow Jones verso i 9.500 punti.

Tutti gli indici hanno chiuso in negativo, influenzati dal cattivo andamento del mercato americano e afflitti da scarsissimi volumi. Il settore che ha sofferto maggiormente è stato quello tecnologico che ha subito oltre il calo di ieri del Nasdaq anche la pessima partenza e relativa sospensione del future sull’indice tecnologico USA di quest’oggi.

La seduta che in un primo momento aveva preso energetici e utilities come sostegno, ha visto poi il mercato appesantirsi sempre più e coinvolgere tutti i titoli con rare esclusioni.

Il Mibtel si è fermato sui minimi a -2,53% a 26.788 punti, il Mib30 a -2,83% a 38.039 punti. Peggio di tutti ha fatto il Numtel a 4,29% a 3.591 punti.

Tra i titoli che hanno animato di più la giornata ci sono i telefonici con Telecom Italia (-0,11% a €11,62) che sul finale ha dato una particolare prova di forza non cedendo sull’onda delle vendite. In ribasso più deciso Olivetti (-2,31% a €2,16), che secondo alcuni operatori è destinata comunque a risalire, sulla scia del piano di conversione delle azioni Telecom Italia risparmio in ordinarie. Nella scuderia Colaninno la peggiore è stata TIM (-3,48% a €7,27).
(Vedi anche Piazza Affari: Telecom Italia, sale la risparmio e anche Piazza Affari: Mediaset si addentra in Olivetti e anche Piazza Affari: prese di beneficio sui telefonici)

Fino al pomeriggio hanno tenuto bene energetici e utilities, tra i quali spiccavano Enel (-0,76% a €3,68) dopo la smentita dell’abbandono da parte dell’amministratore delegato Franco Tatò, Edison (-2,27% a €10,28) e Italgas (-1% a €9,9). Si è invece appesantita prima delle altre Eni (-3,39% a €7,32) nella mira dei realizzi. (Vedi anche Piazza Affari: Enel dimentica il periodo buio e anche Piazza Affari: ENI colpita dai realizzi e anche Piazza Affari premia energetici e utilities)

Nulla da fare, invece per STMicroelectronics (-5,66% a €36,2) che soffre insieme a tutto il comparto mondiale dei semiconduttori i profit warning di alcune società high-tech arrivati ieri. (Vedi anche Chip: accordo STMicroelectronics con Hitachi e anche Piazza Affari: STM viaggia in retromarcia)

In ribasso anche il settore editoriale, dove spicca la flessione di Seat Pagine Gialle (-7,36% a €1,246), ma dove anche gli altri titoli di settore presenti nel Mib30 non fanno molto meglio, a partire da Espresso (-5,43% a €5,850) per finire a Mediaset (-2,73% a €10,13). (Vedi anche Piazza Affari: Seat Pagine Gialle in caduta verticale)

Il Nuovo Mercato è stato il più colpito di Piazza Affari, complice il forte ribasso di ieri del tabellone elettronico americano, bissato oggi da una prestazione ancora peggiore che porta il Nasdaq sotto i 1.700 punti. Hanno chiuso in perdita tra gli altri Tiscali (-4,44% a €14,32), I.Net (-6,67% a €180), Freedomland (+0,03% a €29,69) su voci di una prossima cessione di una quota del 30%.
(Vedi anche Piazza Affari: sospensione Nasdaq affossa il Nuovo Mercato e anche Piazza Affari: I.Net precipita su Nuovo Mercato e anche Piazza Affari: Freedomland vicino parità e anche Piazza Affari: giù sul Nuovo Mercato)

Tra le note negative troviamo anche l’andamento del risparmio gestito ma anche dei titoli bancari in generale dietro l’arretramento del Dow Jones americano. Tra i titoli che hanno sofferto di più Bipop Carire (-6,25% a €5,01), ma anche Fideruam (-3,73% a €10,720) e Mediolanum (-6,16% a €10,9). (Vedi anche Piazza Affari: A picco Bipop e risparmio gestito)

Qualche luce si è vista a Piazza Affari e tra tutte ha brillato la stella di Aeroporto di Firenze (+6,04% a €18,04) che è salita su insistenti voci su cambi nell’assetto azionario. (Vedi anche Piazza Affari: Aeroporto di Firenze vola spedito e anche sezione RUMORS che trovate sul menu in cima alla pagina).