Società

PIAZZA AFFARI CHIUDE SUI MASSIMI CON I TMT

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Piazza Affari ha chiuso sui massimi della giornata dopo aver consolidato il suo vantaggio dopo un avvio in territorio positivo dei principali indici USA. In forte crescita i titoli del comparto dei telefonici, degli editoriali e dei tecnologici, ma il rialzo corale ha interessato anche i finanziari e gli energetici..

L’atmosfera di euforia ha tocato tutta Europa (BORSE UE CRESCONO GRAZIE A TLC E TECH), dopo l’apertura di Wall Street che ha visto la buona crescita specialmente nel comparto della New Economy.

“E’ proseguito il recupero delle ultime settimane malgrado i dati macroeconomici USA pubblicati ieri non siano stati positivi – ha detto Marco Romani trader di Gestnord Intermediazione Sim – con il mercato che inizia a scontare un recupero atteso per il 2002, anche se al momento non c’è visibilità”.

“L’euforia del momento è più che altro legata alla paura di molti di rimanere fuori dal mercato al momento della ripartenza – ha aggiunto l’operatore – ma il mercato resta di basso profilo con molto trading determinato dagli acquisti in giornata sulle speculazioni di breve durata”.

“Ormai il mercato è tornato ai livelli precedenti ai fatti dell’11 settembre e adesso si attende il dato sul PIL USA che sarà comunicato il 30 di ottobre e che potrà dare maggiori informazioni sullo stato di salute dell’economia statunitense”, dice il trader.

Il Mibtel si è fermato a +2,45%, il Mib30 a +2,84%, il Midex a +1,38%, il Numtel a +2,94%.

Sul Mib30 sono poche le eccezioni con il segno meno in una seduta vissuta tutta a trazione anteriore.

Ancora una forte crescita dei titoli telefonici, con le holding Olivetti e Pirelli a tirare la caravona tra cui Telecom Italia, TIM e Seat Pagine Giallein forte crescita. SUL TITOLO VEDI:
PIAZZA AFFARI: PIRELLI VEDE €2 MA RALLENTA

“La scuderia Pirelli continua a riscuotere successo da quando c’è stato il cambio di guardia ed e’ stato presentato il piano industriale” commenta Romani.

Importante notare, precisano gli operatori, che il movimento dei telefonici anticipa quello del mercato.

Positivo il settore bancario, con l’eccezione di Monte Paschi. Forti i titoli come Unicredito o San Paolo Imi che scontano le attese positive per le ultime operazioni in cantiere. “San Paolo cresce in attesa di conoscere i tempi e i termini tecnici della fusione con Cardine – aggiunge Romani – mentre per Unicredito ci sono attese per il piano di ristrutturazione e l’integrazione della controllata Rolo 1473.

Il mercato di fatto ha ignorato il profit warning lanciato oggi nel settore creditizio da Abn Amro (BANCHE: ABN AMRO LANCIA PROFIT WARNING).

Gli editoriali hanno fatto faville. Unica eccezione è stato HDP, che ha chiuso al di sotto della parità. Oggi si è svolta una riunione informale tra i grandi azionisti di Hdp. L’incontro è durato circa un’ora e mezza e secondo indiscrezioni sarebbe servito a fare il punto dopo i cambiamenti congiunturali legati agli attentati in USA dell’11 settembre scorso. Si sarebbe anche parlato delle trattative in corso per la cessione di aziende partecipate.

Ma a parte HDP è un fiorire di segni più. Il rialzo maggiore, anche se si considera Mondadori, quotata sul Midex, è stato di Mediaset.

Mario Spreafico, di Fondicri, dice a Wall Street Italia che il “grande pessimismo sugli editoriali è stato ormai scontato dai mercati”. SUL COMPARTO VEDI:
PIAZZA AFFARI: EDITORIALI, E’ UNA CRESCITA SANA?

Molti i titoli che anche oggi hanno avuto le indicazioni da parte delle principali banche d’affari.
SUI RATINGS VEDI:
PIAZZA AFFARI: UPGRADINGS & DOWNGRADINGS/4

Sul Numtel è cresciuto anche Cairo Communication, che raccoglie pubblicità.

Tornando sul Mib30 è salito Finmeccanica nonostante gli interrogativi sulla sua alleanza con il consorzio europeo Airbus.

Molto bene la partecipata STMicroelectronics che non si è lasciata influenzare dal fatto che
Wsts (World Semiconductor Trade Statistics) ha ridotto le previsioni sul mercato dei semiconduttori nel 2001, stimando un calo del 32,1% a $138,8 miliardi contro la diminuzione pari al 13,5% prevista in precedenza (PIAZZA AFFARI: STM CORRE MALGRADO STIME).

Sul Midex ha preso piede Alitalia in attesa dell’aumento di capitale e delle sovvenzioni europee (PIAZZA AFFARI: ALITALIA REGINA DEL MIDEX, +5,34%), mentre sul Numtel Gandalf precipita di oltre quattro punti percentuali.

Sempre sul Numtel hanno corso anche Tiscali e Tecnodiffusione
SUL NUOVO MERCATO VEDI:
NUOVO MERCATO: TISCALI COMPRA NETCHEMYA
PIAZZA AFFARI: TISCALI, CRESCERA’ FINO A …
E ANCHE:
PIAZZA AFFARI: TECNODIFFUSIONE, FATTURATO +154%.