PIAZZA AFFARI CHIUDE PIATTA, VOLA STM

13 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso con gli indici vicini alla parità una giornata dai bassi volumi di Ferragosto.

L’affare Sai-Fondiaria, il rialzo di STMicroelectronics e degli energetici e il calo dei telefonici hanno dominato la giornata.

Il Mibtel ha chiuso con un guadagno dello 0,02%, il Mib30 dello 0,03% e il Numtel lo 0,3%.

I titoli petroliferi come Eni e Saipem sono stati trainati dalla notizia che l’Arabia Saudita, il principale produttore di greggio al mondo, ha detto ai suoi clienti in Giappone e Sud Corea che ridurrà l’offerta del 16-17%, innescando voci di un taglio Opec a settembre.

I finanziari hanno chuso misti divisi tra assicurativi come Ras che sono saliti e molti bancari che hanno ceduto terreno come MPS, Fideuram e Rolo Banca.

Le azioni di Fondiaria hanno guadagnato circa il 5% salendo verso il livello di €7,7 al quale dovrebbe essere offerta un’eventuale Opa da parte di Sai e Mediobanca, che invece hanno perso terreno.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Il caso Sai-Fondiaria

Una nota di Goldman Sachs ha tirato su il comparto dei semiconduttori facendo schizzare in alto STMicroelectronics e, di riflesso, Finmeccanica.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Chip: Goldman fa volare STMicroelectronics e anche Chip: Goldman positiva sul settore

Pesanti invece i telefonici che hanno chiuso tutti con leggeri ribassi e con discreti volumi su Olivetti

Al Nuovo Mercato hanno guadagnato Vitaminic, Gandalf e eBiscom mentre Tiscali è rimasta praticamente invariata.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Piazza Affari: I titoli chiave del 13 agosto