PIAZZA AFFARI CHIUDE IN RIBASSO, PESANO LE TLC

22 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Milano si ferma con il Mibtel a -0,23% e il Mib 30 a -0,46% a causa del forte calo dei titoli telefonici che vedono Tim in rosso del 4,12% a 9,37 euro. Pesante anche Telecom a -2,75% che ha rotto il supporto fissato a 13,30 euro fermandosi a 13,21 euro. Vendite per Olivetti (-2,18%), per Tecnost (-2,65%) e per Seat a -0,68%.

A fare da contraltare la crescita dei tecnologici del Nuovo Mercato, il cui indice sale del 2,33%. Tra i migliori brilla Chl che si ferma a +14,9%, Euphon a +6,8%, OnBanca a +6,3%, Opengate a +5,23%. Denaro anche per Tiscali a +1,6% e per E.Biscom a +2,07%.

Buon andamento per il comparto finanziario: Banca Rolo sale del 4,72%, Bipop Carire +3,7%, Alleanza a +2,5%, Mediobanca a +2,43% e San Paolo a +2,02%.

Non si arresta la crescita del settore energia con Edison a +0,96%, Compart a +9,78% e Montedison a +7,94%. Sulla scia di questi titoli ha chiuso in positivo anche Eni (+0,18%), dopo una seduta passata in negativo.

Nel settore editoria risplende L’Espresso che prende il 3,45% e Mediaset che chiude a +2,21%.

Denaro anche per le utilities con Aem a +4,07% e Acea a +2,39%.