PIAZZA AFFARI ATTENDE CON TIMORE WALL STREET

3 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Le forti vendite sul listino milanese portano il Mibtel a -2,16% e il Mib30 a -2,15%. Le attese ora sono tutte per il mercato americano, da cui però non arrivano segnali incoraggianti.

Tra le Blue Chip resiste ormai solo il rialzo delle Ras (+2,89%), mentre per i telefonici e’ profondo rosso: Tim -4,25%, Olivetti -3,77% e Tecnost -3,28% e Telecom -2,99%. Tra i titoli della scuderia Colaninno in forte ribasso anche Seat a -3,65%.

Eni e’ stata in evidenza per tutta la seduta. I titoli della societa’ energetica, dopo aver segnato un picco a 6,29 euro (vicino al massimo di 6,34 euro) vengono scambiati attualmente a 6,17 euro in rialzo dello 0,08%. Alti i volumi, con oltre 40 milioni di pezzi passati di mano a fronte dei 50 milioni dell’intera vigilia. Ieri il titolo aveva chiuso la giornata con un guadagno del 3%.

Venduti come nel resto d’Europa gli editoriali: Mediaset -3,76%, Class Editori -5,53%, L’Espresso -3,87%.

La situazione resta molto difficile per i tecnologici. Al Nuovo Mercato solo segni negativi. I peggiori risultano Biosearch -6,33%, Tas a -4,94%, Tiscali a -4,3% e Aisoftw@re a -4,26%. In forte ribasso anche Stmicroelectronics (-6,33%).