PIAZZA AFFARI APRE POSITIVA, RIMBALZA L’HIGH TECH

6 Aprile 2000, di Redazione Wall Street Italia

Sarà oggi la giornata del recupero? Dopo una chiusura piatta ieri a Wall Street e alla luce di timidi segnali di ripresa in alcuni comparti chiave, Piazza Affari si augura davvero di sì.

La Borsa italiana segna un primo Mibtel in rialzo dell’1,31%, subito ampliato a +1,68%. Mib30 a +1,70%.

Da notare il recupero dei titoli high tech dopo le pesanti perdite dei giorni scorsi, e l’atmosfera quasi euforica al Nuovo Mercato.

Non potrebbe essere diversamente, con Cdb Web tech in rialzo del 7,05%, Tecnodiffusione a +7%, Prima Industrie in guadagno del 6,7%.

Al listino ordinario rimbalzano Telecom (+1,97%) e Tim (+ 3,28%). Generalmente sotto tono i bancari. Occhi puntati su Generali, che oggi riunisce il Cda per affrontare anche la situazione che si è creata nell’Ina dopo le dimissioni del vertice (Benassi e Siglienti).

Tra le utilities, vola Acea che ha aperto a 16,85 euro (+2,10%; un euro vale 1936,27 lire) e ora, dopo aver toccato il picco di 17,22 euro (+4,34%), passano di mano a 17,09 euro guadagnando il 3,56%.

Al contrario, si profila una giornataccia per il titolo della Lazio, che più di altri risponde a una logica molto elementare: quando la squadra vince un’importante partita, il titolo sale; quando perde, va giù. Ieri è stata sconfitta in Coppa dei Campioni, e questa mattina in pre-apertura il titolo è andato a picco con una perdita di oltre il 27% a 5,05 euro.