Petrolio sale ancora nonostante l’aumento delle scorte Usa

8 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono aumentati nella seduta odierna a causa dell’allentamento dei blocchi cinesi legati al COVID-19 e di un possibile sciopero dei lavoratori petroliferi norvegesi.  I future sul greggio Brent sono aumentati del 2,37% a 122,95 dollari. Il greggio US West Texas Intermediate in aumento del 2,17% a 121,67 dollari.

I mercati hanno però ignorato l’aumento delle scorte petrolifere statunitensi.

“Nonostante il rapporto API mostri build per greggio e prodotti petroliferi, i prezzi del petrolio sono più alti, supportati dall’aspettativa che la Cina allenti le restrizioni COVID, traducendosi in una maggiore domanda e importazioni quest’estate”, ha affermato l’analista di UBS Giovanni Staunovo.

Alcuni lavoratori petroliferi norvegesi prevedono di scioperare dal 12 giugno mettendo a rischio la chiusura di una parte della produzione di greggio. La Norvegia è infatti uno dei principali produttori mondiali e la stessa economia del paese è strettamente legata all’industria petrolifera.

Fonti di mercato hanno affermato che i dati dell’American Petroleum Institute di martedì hanno mostrato che le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di 1,8 milioni di barili nella settimana terminata il 3 giugno. Le scorte di benzina e distillati sono aumentate rispettivamente di 1,8 milioni di barili e 3,4 milioni di barili.

La US Energy Information Administration ha riportato i livelli delle scorte della scorsa settimana quest’oggi alle 16:30, segnalando un aumento di 2 milioni di barili.

Martedì la Banca mondiale ha ridotto di quasi un terzo le sue previsioni di crescita globale per il 2022, avvertendo che l’invasione russa dell’Ucraina aveva aggravato i danni causati dalla pandemia di COVID-19 e che molti paesi ora stavano affrontando la recessione.

Nel frattempo, le forniture globali di greggio e prodotti petroliferi rimangono limitate, portando i margini di diesel delle raffinerie asiatiche a livelli record, poiché le sanzioni occidentali ostacolano le esportazioni dal principale produttore russo.

Il CEO del global commodities trader Trafigura ha affermato che i prezzi del petrolio potrebbero presto raggiungere i 150 dollari al barile e salire ancora quest’anno, con una probabile distruzione della domanda entro la fine dell’anno.

La maggior parte delle raffinerie a livello globale sta già esaurendo la capacità per soddisfare la crescente domanda dalla ripresa della pandemia e per sostituire le forniture russe perse.

Gli analisti di JP Morgan stimano che la Russia abbia tagliato da 500.000 a 700.000 barili al giorno di esportazioni di prodotti petroliferi.

“A meno che la nuova capacità in Medio Oriente non diventi attiva più rapidamente di quanto ci aspettiamo o la Cina decida di aumentare i limiti all’esportazione dei suoi prodotti, la carenza di prodotti puliti peggiorerà solo quando la domanda di carburanti per i trasporti aumenterà durante l’estate dell’emisfero settentrionale”, hanno affermato gli analisti di JP Morgan in una nota.

Anche la ridotta capacità di produzione di petrolio di riserva, destinata a scendere ai minimi storici, ha fatto aumentare i prezzi.

Martedì, la Cina ha aumentato il suo primo lotto di quote di esportazione di prodotti volte a ridurre le scorte nazionali elevate, che sono aumentate poiché i blocchi pandemici hanno intaccato la domanda. Nonostante le ultime aggiunte alle quote, i loro volumi restano comunque molto inferiori rispetto allo scorso anno.