Petrolio russo: UE pronta a vietarlo, colloqui sul gas

3 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

L’Unione Europea sta preparando un bando al petrolio russo, con possibili esenzioni per i Paesi diffidenti, mentre ieri i ministri dell’Energia dell’Ue hanno tenuto colloqui di crisi sulla richiesta di Mosca che gli acquirenti stranieri paghino il gas in rubli, pena perdere la fornitura.

La Commissione europea dovrebbe proporre questa settimana un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina, compreso un embargo sull’acquisto di petrolio russo, una misura che priverebbe Mosca di un ampio flusso di entrate, ma che finora ha diviso i Paesi Ue.

La Russia fornisce il 40% del gas dell’UE e il 26% delle sue importazioni di petrolio. Per mantenere unito il blocco di 27 nazioni, la Commissione potrebbe offrire a Ungheria e Slovacchia un’esenzione o un lungo periodo di transizione, con il divieto generale che potrebbe essere gradualmente introdotto entro la fine dell’anno, hanno affermato lunedì i funzionari.

Sia l’Ungheria che la Slovacchia dipendono fortemente dal greggio russo. L’Ungheria ha detto che si opporrà alle sanzioni energetiche.

La resistenza di altri paesi a un embargo petrolifero sembrava svanire prima di un incontro di mercoledì in cui gli ambasciatori discuteranno delle sanzioni.

“Siamo riusciti a raggiungere una situazione in cui la Germania è in grado di sopportare un embargo petrolifero”, ha dichiarato lunedì il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck. “Questo significa che non sarà senza conseguenze”.

Il ministro austriaco del clima e dell’energia Leonore Gewessler ha detto che Vienna accetterebbe le sanzioni petrolifere se altri paesi lo facessero.

Secondo l’organizzazione di ricerca Center for Research on Energy and Clean Air, i paesi dell’UE hanno pagato più di 46 miliardi di euro (47,43 miliardi di dollari) alla Russia per gas e petrolio da quando ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio.

Crisi per il Gas

I ministri dell’Energia dell’UE tenteranno anche di dare una risposta congiunta alla richiesta della Russia che i paesi paghino effettivamente il gas in rubli, dopo che Mosca ha tagliato l’approvvigionamento di gas a Bulgaria e Polonia la scorsa settimana per essersi rifiutata di rispettare il suo schema di pagamento.

Bulgaria e Polonia avevano già pianificato di smettere di usare il gas russo quest’anno e hanno affermato di poter far fronte al cut-off, ma la mossa ha sollevato timori che altri paesi dell’UE possano essere i prossimi.

“La richiesta della Russia sui pagamenti in rubli è un ovvio tentativo di dividere l’Unione europea. Quindi dobbiamo rispondere in unità e solidarietà”, ha detto il commissario per l’Energia dell’UE Kadri Simson al suo arrivo alla riunione, aggiungendo che i ministri discuteranno dei piani di emergenza per la fornitura di gas shock.

Secondo gli analisti, un’interruzione immediata del gas russo farebbe cadere in recessione paesi, inclusa la Germania, e richiederebbe misure di emergenza come la chiusura di fabbriche per far fronte.

Con molte società europee che devono affrontare scadenze per il pagamento del gas alla fine di questo mese, gli stati dell’UE stanno cercando di chiarire se le aziende possono continuare ad acquistare il carburante senza violare le sanzioni dell’UE contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina.

Mosca ha affermato che gli acquirenti di gas stranieri devono depositare euro o dollari su un conto presso la banca russa di proprietà privata Gazprombank, che li convertirebbe in rubli.

Il mese scorso la Commissione ha detto ai paesi che il rispetto dello schema russo potrebbe violare le sanzioni dell’UE. Ma ha anche affermato che i paesi potrebbero effettuare pagamenti conformi alle sanzioni se dichiarano il pagamento completo una volta effettuato in euro e prima della sua conversione in rubli.

Le capitali europee stanno già prendendo strade diverse e hanno chiesto a Bruxelles di fornire consigli più chiari.

Ieri, prima dei colloqui dei ministri, la Polonia ha affermato che l’utilizzo del regime di pagamento in rubli di Mosca violerebbe le sanzioni e ha chiesto alla Commissione di chiarirlo, hanno affermato i funzionari. Anche la Bulgaria ha rifiutato di impegnarsi con lo schema russo prima che Mosca interrompesse la sua fornitura di gas.

Nel frattempo, la Germania ha fatto eco alla soluzione alternativa della Commissione per consentire alle aziende di pagare e l’Ungheria ha affermato che gli acquirenti possono impegnarsi con il meccanismo della Russia.