Petrolio: nonostante Omicron, analisti vedono petrolio a 100 dollari

17 Dicembre 2021, di Mariangela Tessa

Una domanda in forte rialzo nel biennio 2022-2023 metterà il turbo al prezzo del petrolio, che potrebbe toccare quota 100 dollari al barile. Sono le ultime previsioni di Damien Courvalin, capo delle ricerche del settore energy di Goldman Sachs, che ricorda come la domanda di petrolio fosse già a livelli record prima dell’arrivo della variante COVID 19, denominata Omicron.

“Avevamo già registrato un’elevata domanda prima di questa nuova variante, per via di un aumento dei viaggi e una ripresa dell’economia  globale”, ha spiegato Courvalin, dicendo di attendersi nuovi record di domanda il prossimo anno e quello successivo.

Sia il greggio di riferimento internazionale Brent che il prezzo del greggio statunitense sono aumentati oltre gli 80 dollari negli ultimi mesi poiché la domanda post-pandemia ha superato l’offerta. La variante Omicron, tuttavia, ha smorzato questo trend rialzista, spingendo i prezzi poco sopra i 70 dollari nelle ultime settimane.

“Dovremo aspettare che passi questa ondata, ma ciò suggerisce che i viaggi internazionali dovrebbero riprendersi ulteriormente l’anno prossimo”, ha affermato Courvalin, prevedendo che i prezzi del petrolio raggiungeranno nella ipotesi base 85 dollari al barile per il 2022, con un rischio al rialzo fino a oltre 10 dollari.

Secondo quanto riferito da Reuters, l’OPEC+, composta dall‘Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dai suoi alleati, inclusa la Russia, ha affermato che potrebbe incontrarsi prima del previsto incontro del 4 gennaio se i cambiamenti nelle prospettive della domanda giustificassero una revisione, L’OPEC+ ha in programma di aggiungere altri 400.000 barili al giorno di fornitura a gennaio, secondo Reuters.

Le stime dell’Aie

“I viaggi aerei e, in particolare, il consumo di carburante per aerei, saranno i più colpiti dalla variante Omicron”, ha sottolineato l’Aie nel suo rapporto mensile di mercato. Ma nel complesso, l’emergere della variante “rallenterà temporaneamente, ma non capovolgerà, la ripresa della domanda di petrolio”.