Petrolio in rialzo per la seconda settimana consecutiva. Ecco perché

20 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

Il prezzo del petrolio è salito e si sta dirigendo verso un secondo aumento settimanale consecutivo, spinto in gran parte dalle prospettive economiche in miglioramento per la Cina e dalle conseguenti aspettative di un aumento della domanda di carburante nella seconda economia mondiale.

L’Opec e l’Agenzia Internazionale per l’Energia (Iea) hanno entrambi previsto un rimbalzo della domanda cinese nel 2023, a causa della revoca delle restrizioni legate al Covid-19 in Cina, destinata ad aumentare la domanda globale di petrolio a livelli record quest’anno.

Il greggio Brent ha guadagnato lo 0,82%, a 86,87 dollari al barile. Il greggio statunitense è salito dello 0,62%, a $ 81,11.

Gli analisti ritengono che ci sia un’alta probabilità di vedere una domanda più elevata di petrolio proveniente dalla Cina, mentre il paese continua a revocare le sue politiche contro il coronavirus. Il mercato petrolifero mostra ancora segni di stretta, nonostante i timori di una recessione globale.

Inoltre, ci sono speranze che la banca centrale statunitense possa presto ridurre gli aumenti dei tassi di interesse e che ci siano prospettive economiche positive per gli Stati Uniti. Un sondaggio di Reuters ha previsto che la Federal Reserve terminerà il suo ciclo di rialzi dei tassi dopo aumenti di 25 punti base nelle prossime due riunioni, quindi è probabile che i tassi rimangano stabili per il resto dell’anno.

Le possibilità di un “soft landing” per l’economia statunitense sembrano aumentare, ha dichiarato giovedì il vicepresidente della Federal Reserve Lael Brainard. La prossima riunione sui tassi della Fed si terrà dal 31 gennaio all’1 febbraio.

“Le due maggiori economie del mondo hanno bisogno di più greggio”, ha affermato Edward Moya, analista di mercato senior di OANDA. Il petrolio si sta dirigendo verso un guadagno settimanale dell’1,2% per il Brent e dello 0,8% per il benchmark statunitense.

Yellen sempre più favorevole al tetto massimo sul petrolio russo

La guerra ucraina sta causando particolari danni all’economia e alla sicurezza alimentare dell’Africa, ha dichiarato venerdì il segretario al Tesoro americano Janet Yellen durante la sua visita a Dakar, in Senegal. Secondo Yellen, la fine della guerra sarebbe la soluzione migliore per aiutare l’economia globale, tuttavia il Tesoro americano ha stimato che un limite massimo del prezzo del petrolio russo, promosso dal G7, potrebbe far risparmiare ai 17 maggiori importatori di petrolio del continente africano circa 6 miliardi di dollari all’anno.

Yellen ha sottolineato che alcuni paesi emergenti stanno già beneficiando del limite di prezzo negoziando sconti maggiori con la Russia e il Tesoro americano sta incoraggiando altri paesi a seguire l’esempio. I paesi del G7 e l’Australia hanno implementato il limite massimo del prezzo del petrolio il 5 dicembre scorso, vietando l’uso di assicurazioni marittime, finanziamenti e altri servizi occidentali per carichi con un prezzo superiore a $ 60 al barile. Un ulteriore limite sui prodotti petroliferi raffinati russi, come diesel e olio combustibile, entrerà in vigore il 5 febbraio.

Yellen ha dichiarato che gli Stati Uniti stanno lavorando con i leader africani per mitigare i danni causati dalla guerra della Russia in Ucraina, che insieme alla pandemia ha rallentato la crescita e spinto milioni di africani nella povertà e nella fame.

L’amministrazione Biden sta istituendo un partenariato strategico USA-Africa per soddisfare le esigenze alimentari a breve termine di oltre 300 milioni di africani e aiutare a costruire sistemi più resilienti e sostenibili per il futuro.

Yellen è la prima di una serie di alte cariche statunitensi che intendono visitare l’Africa quest’anno, tra cui il presidente Joe Biden, mentre gli Stati Uniti cercano di rafforzare i legami con il continente e fornire un contrappeso alla Cina, i cui prestiti garantiti hanno lasciato molte nazioni profondamente indebitate.