Petrolio in forte rialzo per l’ottimismo sulla Cina

11 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono saliti oggi sulla scia delle speranze di un miglioramento delle prospettive economiche globali e del la preoccupazione per l’impatto delle sanzioni sulla produzione di greggio russo, che hanno prevalso su un aumento superiore alle attese delle scorte statunitensi di greggio e carburante.

Al momento della stesura di questo articolo, i future sul greggio Brent in scadenza a marzo sono saliti dell’3,25%, a $ 82,70 al barile. I future sul greggio West Texas Intermediate (WTI) con scadenza a febbraio sono aumentati dell’3,31%, a $ 77,61. Entrambi i contratti hanno registrato guadagni lunedì e martedì, rimbalzando da una forte svendita nella prima settimana del 2023.

Le azioni globali sono salite leggermente nella sessione di oggi, nella speranza che i dati sull’inflazione e sugli utili statunitensi previsti giovedì indichino un’economia resiliente e un ritmo più lento degli aumenti dei tassi di interesse. Se l’inflazione scendesse al di sotto delle aspettative, ciò farebbe scendere il dollaro, hanno detto gli analisti, il che potrebbe aumentare la domanda di petrolio perché rende la merce più economica per gli acquirenti che detengono altre valute.

Parte dell’ottimismo del mercato è stato attribuito alla riapertura della sua economia da parte del principale importatore di petrolio, la Cina, dopo la fine dei severi limiti del COVID-19, ha affermato Craig Erlam, analista di mercato senior presso OANDA a Londra.

“La Cina potrebbe riprendersi con forza, soprattutto se sostenuta da stimoli monetari e fiscali. Le banche centrali potrebbero scoprire di avere spazio per tagliare i tassi se l’inflazione scendesse in modo sostanziale e le economie fossero in recessione. (Anche) la produzione russa potrebbe essere ridotta poiché le sanzioni hanno il loro tributo”.

Un prezzo massimo internazionale imposto alle vendite di greggio russo è entrato in vigore il 5 dicembre e altri limiti mirati alle vendite di prodotti dovrebbero entrare in vigore il mese prossimo.

Aumentano le scorte di petrolio in Usa

Le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di quasi 19 milioni di barili la scorsa settimana, o 11 volte di più rispetto alla settimana precedente, ha dichiarato oggi alle 16:30 l’Energy Information Administration(EIA).

Le scorte di greggio degli Stati Uniti sono aumentate di 18,962 milioni di barili per la settimana terminata il 6 gennaio, ha dichiarato l’EIA nel suo Weekly Petroleum Supply Report. Nella settimana precedente al 30 dicembre, il braccio statistico del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha censito 1,694 milioni di barili. Gli analisti si aspettavano invece un prelievo di 2,243 milioni di barili per la scorsa settimana.

La quantità di greggio riportata dall’EIA è stata persino superiore a quella suggerita dal gruppo industriale American Petroleum Institute (API), nel proprio rapporto settimanale sull’inventario di martedì. L’API ha citato una crescita delle scorte di greggio di 14,865 milioni di barili per la settimana terminata il 6 gennaio, da un aumento di 3,298 milioni di barili durante la settimana fino al 30 dicembre.

Sul fronte delle scorte di benzina, l’EIA ha registrato un aumento di 4,114 milioni di barili rispetto alle aspettative per una costruzione di soli 1,186 milioni e contro il calo della settimana precedente di 346.000. Con le scorte di distillati, l’EIA ha registrato un calo di 1,069 milioni di barili rispetto al calo previsto di 472.000 barili e rispetto allo scivolone della settimana precedente di 1,427 milioni.