Petrolio in forte calo, spaventano le prospettive economiche

18 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono scesi ai minimi da settembre nella sessione di oggi, mentre i duri discorsi di due delle grandi banche centrali del mondo hanno rafforzato i timori sulle prospettive dell’economia globale e di conseguenza sulla domanda di petrolio.

Giovedì i commenti hawkish dei funzionari della Federal Reserve americana, cui hanno fatto seguito quelli della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, che ha detto che la banca centrale dell’Eurozona dovrà alzare i tassi di interesse al di sopra del loro livello neutrale per frenare l’inflazione. Tali discorsi mettono due dei tre maggiori centri mondiali di domanda di petrolio sulla buona strada per una recessione più profonda di quanto previsto dai mercati.

I prezzi deifuture sul greggio USA sono scesi del 3,67% a 78,61 dollari al barile, mentre il Brent è sceso del 3,24% a 86,87 dollari al barile.

Anche il mercato fisico spot è stato più debole, con molti analisti che hanno osservato che i prezzi per i carichi consegnati a dicembre erano scontati rispetto a gennaio: un’inversione della normale struttura della curva che in genere indica una domanda a breve termine molto debole. Il mercato fisico è stato ulteriormente appesantito dalla riapertura del terminal di esportazione chiave nigeriano Forcados, dopo una settimana di interruzioni.

L’effetto del discorso aggressivo della banca centrale è stato amplificato dai segnali di un leggero riavvicinamento tra Stati Uniti e Arabia Saudita, che hanno discusso per tutto l’anno il giusto livello di offerta di greggio per un’economia mondiale, che sta vivendo una ripresa post-pandemia irregolare.

L’Arabia Saudita aveva guidato l’Opec a frenare le richieste degli Stati Uniti per una maggiore produzione di petrolio in ottobre, raffreddando ulteriormente le relazioni. La notizia del tribunale ha alimentato le speranze di un atteggiamento più cooperativo da parte del Golfo in futuro.

Dall’altra parte del Golfo Persico, nel frattempo, i giovani manifestanti hanno intensificato la loro campagna di disobbedienza civile in Iran, allentando ulteriormente la presa al potere dei rivoluzionari islamici. I manifestanti sono riusciti a bruciare la casa del defunto Ayatollah Khomeini, il padre della rivoluzione islamica, in una sorprendente sfida all’autorità del governo.

Altrove, i mercati hanno faticato a dare un senso al piano del G7 di fissare un tetto massimo alle esportazioni di petrolio russo. L’Ue dovrebbe vietare l’importazione di petrolio russo dal 5 dicembre 2022, ma consentirà alle navi battenti bandiera europea di trasportarlo verso paesi terzi, a condizione che il prezzo concordato sia inferiore a una certa soglia. Lo schema è stato ampiamente criticato come impraticabile.

Analisi tecnica petrolio WTI

I prezzi del greggio sono scesi giovedì a seguito di un deterioramento della propensione al rischio, con il rally del dollaro Usa. Le tensioni mondiali, le difficoltà nell’offerta e le dichiarazioni di politica fiscale di Jeremy Hunt, ministro delle finanze britannico, hanno gravato molto sul prezzo dell’asset.

Pertanto il greggio potrebbe continuare a concentrarsi sulla propensione al rischio generale e ignorare i dati. I prezzi del WTI hanno confermato un breakout sotto una formazione grafica a triangolo ascendente. Ciò ha aperto la porta a una più ampia ripresa del trend ribassista. Il supporto immediato è il punto di flesso 81.200. Al di sotto di quest’ultimo si trova il minimo di settembre a 76.280. In caso di svolta al rialzo, la resistenza chiave sembra essere a 85.400.

Grafico giornaliero petrolio WTI - Tradingview