Petrolio in forte calo per le preoccupazioni sull’economia

6 Dicembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono scesi nella sessione di oggi, poiché il dollaro statunitense è rimasto forte e l’incertezza economica ha compensato l’impatto rialzista di un tetto ai prezzi del petrolio russo e le prospettive di un aumento della domanda in Cina. I future sul Brent sono scesi dello 3,07%, a $80,17 al barile. Il greggio West Texas Intermediate (WTI) è sceso dello 2,80%, a 74,78 dollari.

Lunedì i future sul greggio hanno registrato il maggior calo giornaliero in due settimane dopo che i dati del settore dei servizi degli Stati Uniti hanno indicato una forte economia americana e hanno alimentato le aspettative di tassi di interesse più alti rispetto alle recenti previsioni. L’indice del dollaro statunitense è sceso martedì, ma è stato ancora sostenuto dalle scommesse su un aumento dei tassi di interesse, dopo il più grande rally in due settimane di lunedì. Un biglietto verde più forte rende il petrolio denominato in dollari più costoso per gli acquirenti che detengono altre valute, riducendo la domanda di questo prodotto.

“I venti contrari all’inflazione potrebbero ancora causare turbolenze economiche globali nei prossimi mesi”, ha dichiarato Tamas Varga del broker petrolifero PVM, aggiungendo che “la graduale apertura del COVID da parte della Cina è uno sviluppo provvisoriamente positivo”.

In Cina altre città stanno allentando le restrizioni legate al COVID-19, facendo sperare in un aumento della domanda nel primo importatore mondiale di petrolio. Secondo le fonti, già mercoledì il Paese dovrebbe annunciare un ulteriore allentamento di alcuni limiti.

Il mercato stava valutando l’impatto sulla produzione di un tetto di prezzo di 60 dollari al barile sul greggio russo imposto dal Gruppo dei Sette (G7), dall’Unione Europea e dall’Australia, contribuendo alla volatilità del mercato. Il limite di prezzo si aggiunge alle perturbazioni causate dall’embargo dell’Ue sulle importazioni di greggio russo via mare e da impegni analoghi di Stati Uniti, Canada, Giappone e Gran Bretagna. L’embargo rischia di restringere l’offerta di mercato in quanto l’Ue è costretta a rifornirsi di greggio altrove.

La Russia ha dichiarato la sua intenzione di non vendere petrolio a chiunque sottoscriva il limite di prezzo. La produzione russa di petrolio e condensati di gas nel periodo gennaio-novembre è salita del 2,2% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 488 milioni di tonnellate, secondo il vice primo ministro Alexander Novak, che prevede un leggero calo della produzione a seguito delle ultime sanzioni.