Petrolio in calo prima della riunione della Fed

2 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono saliti oggi prima di un previsto aumento dei tassi da parte della Federal Reserve, supportati da un altro calo delle scorte petrolifere statunitensi mentre le raffinerie hanno ripreso l’attività prima della stagione di riscaldamento invernale. Il greggio Brent è salito dell’ 1,54%, a $ 96,11, mentre il greggio US West Texas Intermediate (WTI) è salito dello 1,94%, a $ 90,09 al barile.

È probabile che il mercato in generale rimanga un po’ sottotono prima dell’annuncio post-riunione della Federal Reserve statunitense, quando la banca centrale dovrebbe realizzare il suo quarto aumento del tasso di interesse di 75 punti base.

Le scorte di greggio statunitensi sono scese di circa 3,1 milioni di barili durante la settimana, secondo i dati. Le scorte di benzina sono diminuite, mentre le scorte di distillati sono aumentate solo marginalmente prima della stagione di riscaldamento chiave, quando si prevede che la domanda aumenterà. Le scorte statunitensi rimangono basse per la maggior parte dei prodotti, preoccupando gli analisti che ritengono che l’imminente fine dei rilasci dalle riserve strategiche statunitensi rimuoverà una fonte di approvvigionamento che restringerà ulteriormente i mercati.

“Ogni settimana che passa, gli Stati Uniti stanno prelevando scorte di idrocarburi, e questo porta alla domanda dove andrà l’industria quando non ci saranno più forniture da rilasci di riserve strategiche di petrolio”, ha affermato Andrew Lipow, presidente della Lipow Oil Associates a Houston . “Ecco perché stiamo assistendo al sostegno dei prezzi del petrolio”. La produzione dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) è diminuita in ottobre per la prima volta da giugno, inoltre siamo 1,36 milioni di barili al giorno al di sotto degli obiettivi.

La potenziale interruzione dell’embargo dell’Unione Europea sul petrolio russo che dovrebbe iniziare il 5 dicembre potrebbe anche spingere i prezzi al rialzo. Il divieto, una reazione all’invasione russa dell’Ucraina, sarà seguito da un arresto delle importazioni di prodotti petroliferi a febbraio.

La politica zero-Covid della Cina è stata un fattore principale nel tenere sotto controllo i prezzi del petrolio poiché i ripetuti blocchi hanno rallentato la crescita e ridotto la domanda di petrolio.

Una nota non verificata sui social media affermava che il governo cinese avrebbe preso in considerazione modi per allentare le regole del Covid-19 dal prossimo marzo, aumentando potenzialmente la domanda nel secondo consumatore mondiale di petrolio. “Nonostante il rallentamento delle economie e i problemi della Cina per il Covid-19, le probabilità sono che la mancanza di offerta prenda il sopravvento sulle preoccupazioni della domanda a breve termine. Pertanto, aspettatevi che i prezzi del petrolio chiudano quest’anno dirigendosi verso un territorio a tre cifre”, ha detto l’analista di PVM Stephen Brennock.

Mosca aggira le sanzioni Usa sul petrolio

La raffineria di petrolio a Priolo in Sicilia, di proprietà di Lukoil, consente al petrolio russo di aggirare le sanzioni americane e arrivare negli Stati Uniti sotto forma di prodotti petroliferi raffinati. Lo ha riportato il “Wall Street Journal” in un video in cui ricostruisce i flussi del greggio provenienti dalla Russia. Una volta raffinato nello stabilimento siciliano di Lukoil, che è il secondo più grande in Italia e il quinto in Europa, il greggio proveniente da Mosca diventa prodotto italiano. La maggior parte dei prodotti petroliferi raffinati a Priolo e spediti da marzo dalla Sicilia negli Stati Uniti, hanno raggiunto gli impianti in Texas e in New Jersey.

Attualmente parliamo di percentuali veramente elevate, circa il 93% del greggio lavorato nella raffineria siciliana arriva dalla Russia mentre prima dell’invasione ucraina da parte della Russia arrivava da diversi Paesi e la quota di quello russo rappresentava il 30%.