Petrolio, fondi hedge mai stati così ottimisti

23 Aprile 2018, di Livia Liberatore

Con il rally dei prezzi delle materie prime, in generale, e del petrolio, in particolare, dell’ultima settimana, sono cresciute anche le posizioni speculative sul petrolio, salite, secondo JP Morgan, a nuovi massimi storici. Responsabili dell’aumento dei prezzi del greggio non sarebbero solo gli hedge fund, sistematici o discrezionali, ma anche investitori al dettaglio e gli asset allocators che hanno acquistato petrolio indirettamente tramite acquisti di fondi di monitoraggio delle materie prime.

Come rileva JP Morgan, sia gli hedge fund sistematici che quelli discrezionali hanno accumulato posizioni lunghe nel petrolio: i primi indotti dallo slancio positivo, mentre i secondi a causa dei problemi geopolitici, della continua diminuzione delle scorte negli Stati Uniti e delle aspettative per un rialzo dei prezzi da parte dell’Arabia Saudita prima delle privatizzazioni del prossimo anno.

Bloomberg conferma il recente aumento degli afflussi per i fondi di materie prime e osserva che gli hedge fund che investono in petrolio stanno attirando capitali al ritmo più veloce in più di un anno. Dopo anni di sofferenze, i fondi di materie prime stanno recuperando i deflussi. Secondo i dati di eVestment, gli investitori hanno assegnato 3 miliardi di dollari a fondi hedge focalizzati sulle materie prime da gennaio a marzo 2018, la somma più alta dal terzo trimestre del 2016.

Secondo JP Morgan, questo ” forte acquisto di materie prime da parte di investitori in denaro reale è una potente forza trainante che aiuta a sostenere i prezzi del petrolio a livelli elevati e a ridurre il rischio di inversione di tendenza a breve termine “. Secondo diversi hedge fund citati da Bloomberg, l’impennata del petrolio, che nella giornata di lunedì registra un lieve stop, dovrebbe continuare ben al di sopra degli 80 dollari.

Il fondo per l’energia di Westbeck vede la crescita del greggio WTI a più di $ 85 al barile nel secondo semestre dell’anno, mentre Commodities World Capital prevede che il petrolio colpirà l’area di metà $ 80 entro la seconda metà del 2018.