Perché le banche centrali devono sviluppare le CBDC

29 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Una valuta digitale della banca centrale (CBDC) è “un investimento” per proteggere l’attuale sistema monetario fiat. L’ha detto ieri Cecilia Skingsley, prima vice governatrice della Sveriges Riksbank, la banca centrale svedese, intervenendo al Forum della Banca centrale europea (Bce) a Sintra, in Portogallo. Skingsley ha affermato che è necessario che le banche centrali sviluppino CBDC per soddisfare la domanda pubblica e rimanere al passo con data con gli sviluppi nel mondo moderno e ha definito la CBDC “un’evoluzione del ruolo della banca centrale, piuttosto che una rivoluzione”. A suo avviso, i contanti hanno i giorni contati: “Penso che i contanti scompariranno come metodo di pagamento, questo è certo”.

Le banche centrali devono entrare nell’era digitale

Ulrich Bindseil, direttore generale per le Infrastrutture di mercato e i pagamenti della Bce, concorda con Skingsley, affermando che “non c’è motivo” per le banche centrali di non entrare nell’era digitale. A sostegno dell’idea che le banche centrali non sono in alcun modo obbligate a emettere contanti, Bindseil ha affermato:

“Muoversi con il tempo, accettare la digitalizzazione della società, e rifiutare l’affermazione secondo cui le banche centrali sono emittenti naturali di banconote solo come passività monetaria”.

Il funzionario della Bce ha aggiunto di vedere i metodi di pagamento efficienti e affidabili come “una base della società moderna”, suggerendo che le CBDC avranno un ruolo chiave qui.

La privacy resta una questione fondamentale

Nel frattempo, Markus K. Brunnermeier, professore all’Università di Princeton che faceva anche parte del panel di discussione, ha definito la privacy “una delle questioni chiave” di una CBDC. “Abbiamo bisogno di un certo livello di privacy affinché le persone accettino una CBDC”, ha affermato, pur ammettendo che i contanti sono ancora il metodo di pagamento definitivo per le transazioni private.

“Il denaro è privo di un libro mastro, non esiste un libro mastro in cui qualcosa è scritto”, ha affermato, osservando che questo lo rende fondamentalmente diverso dal denaro digitale dal punto di vista della privacy.

Con il denaro digitale, invece, nuove opportunità come l’interoperabilità, la possibilità di impostare pagamenti automatici, smart contract e così via, rendono la privacy più difficile da raggiungere, ha affermato.

Brunnermeier ha spiegato che se tutti i libri mastri sono interoperabili con un “meta libro mastro” e non c’è “nessuna privacy”. Di conseguenza, potrebbe essere necessario dividere un registro CBDC per motivi di privacy, ha affermato.

“Da un lato vogliamo connettere tutto per avere denaro programmabile o portafogli programmabili […] ma per motivi di privacy vogliamo dividere questo meta ledger”.

Brunnermeier ha continuato spiegando che la privacy in una CBDC è in definitiva un compromesso tra la supervisione del governo e la libertà degli utenti.

“Quanta privacy vuoi dare, quanta libertà vuoi dare e quanto vuoi essere in grado di perseguire i crimini?” Questa è “una grande sfida che stiamo affrontando”, ha detto.

Commentando quali paesi saranno i primi a introdurre le CBDC, il professore di Princeton ha affermato che è probabile che i paesi più piccoli e le economie emergenti si sposteranno prima degli Stati Uniti, che ospitano l’attuale valuta di riserva mondiale.

Le CBDC non hanno bisogno di una blockchain

Infine, Neha Narula, direttore della Digital Currency Initiative presso il Massachusetts Institute of Technology Media Lab, ha parlato di più sulla natura tecnica delle CBDC, ricordando ai suoi colleghi relatori che “le CBDC non richiedono una blockchain per funzionare”. La tecnologia blockchain è un termine generico con molti componenti diversi”, ha affermato, aggiungendo che i banchieri centrali sono liberi di “scegliere i componenti che hanno senso” per ciò che stanno cercando di ottenere.

In termini di capacità tecniche di una CBDC, Narula ha ritenuto importante che il sistema possa funzionare sia online che offline, affermando che è “molto importante” che le CBDC abbiano capacità offline.

Ha anche affermato che le CBDC dovrebbero essere viste come “contanti digitali”. Pertanto, non dovrebbe essere necessario che gli utenti creino un account con una società privata o accettino termini e condizioni relativi al loro utilizzo.

Infine, ha sottolineato che una CBDC dovrebbe utilizzare “tecnologia collaudata” e non necessariamente “l’ultima e la migliore del mondo delle criptovalute”.

Tuttavia, ha comunque ammesso che c’è molto da imparare dal mondo delle criptovalute” e ha notato che “Non parleremmo affatto di CBDC se non fosse per criptovalute come il Bitcoin.”