Acquistare casa può essere investimento terribile

19 Aprile 2019, di Alessandra Caparello

Chi l’ha detto che acquistare casa è un buon investimento? Secondo Peter Mallouk, pianificatore finanziario e presidente della società di gestione patrimoniale Creative Planning, tale affermazione non potrebbe essere più lontano dalla verità.

“In realtà, di solito (ndr: l’acquisto di casa) è un investimento terribile e questo perché, alla fine possedere una casa non fa risparmiare denaro. Paghi le tasse di proprietà, la manutenzione, l’assicurazione e tante altre cose.

Una cosa che sanno bene i giovani proprietari di case, in particolare, visto che secondo i millennial il primo rimpianto dopo aver acquistato casa è quello di aver sottovalutato i costi. Nel tempo, dice l’esperto, la propria casa potrebbe sì aumentare di valore, ma probabilmente non sarà mai abbastanza per compensare tutti i costi.

A lungo termine investimento meno conveniente di azioni e bond

Invece, se prendi ciò che risparmieresti non comprando una casa e la investi in qualcosa che potrebbe aumentare di valore, come azioni e obbligazioni, è probabile che avrai più soldi a lungo termine. Mallouk fa l’esempio di chi vive a Brooklyn, New York, e paga 2.500 dollari al mese di affitto. Chi acquista quell’appartamento può arrivare a pagare anche 5.000 dollari al mese tra ipoteca, tasse e altri costi di manutenzione.

“Se prendi la differenza, quella somma di  2.500 dollari che stai risparmiando e la metti da parte in un portafoglio diversificato, quasi certamente, per un lungo periodo di tempo, sarà destinata a crescere.

L’esperto sottolinea però l’importanza di valutare bene i numeri prima di decidere di acquistare o meno casa: occorre valutare la propria posizione finanziaria e poi il costo medio degli acquisti rispetto all’affitto di una casa nella propria zona.

Cerca di capire se l’acquisto ha o meno un senso per te e chiediti se stai meglio in affitto e mettendo i soldi che risparmi in investimenti come i fondi comuni di investimento.