Per Google il meglio è alle spalle. Analisti abbassano le stime

8 Gennaio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Futuro grigio per Google. Per gli analisti di Wall Street, le azioni del motore di ricerca potrebbe nei prossimi anni subire il peso di margini più risicati e l’aumento della concorrenza da parte di Facebook.

“Per il colosso di Mountain View i giorni migliori potrebbero essere alle spalle”, ha scritto di Scott Devitt della casa d’affari Stifel, che declassato il rating delle azioni a “hold” da “buy”.

Le quotazioni di Google hanno segnato un deprezzamento del 5 per cento l’anno scorso, classificandosi così come l’anno peggiore per il titolo più amato dagli investitori dopo la crisi finanziaria del 2008. Sempre lo scorso anno, le azioni di Facebook hanno segnato un aumento del 40 per cento.

L’analista ha aggiunto che sul titolo pesa l’andamento meno brillante degli utili, che sta provocandouna contrazione dei multipli.

“Google è stato il leader indiscusso della pubblicità online nell’ultimo ciclo di Internet”, ha scritto Devitt. “Tuttavia, Google è ora affiancato da aziende come Facebook, che stanno aumentando la quota di investimenti pubblicitari”.

Guardando al biennio in corso, l’analista di Stifel ha detto che i profitti da lui stimati per il gruppo Internet sono “considerevolmente” inferiori alla media di Wall Street e che nei prossimi mesi saranno molti i “colleghi” che rivedranno al ribasso le previsioni.

A questo proposito va ricordato che Google ha deluso le attese di Wall Street in 5 degli ultimi 6 trimestri. (mt)