Per Borse e Bond giudizio Moody’s è positivo. Un aiuto arriva dalla Cina

22 Ottobre 2018, di Daniele Chicca

Le notizie provenienti dalla Cina hanno innescato una serie di acquisti in Borsa, dall’Asia passando per l’Europa fino agli Stati Uniti. Il sostegno, per il momento a parole, del governo cinese all’economia e ai mercati ha creato uno stato d’animo propenso al rischio, anche se le Borse sono suscettibili di cali improvvisi a seconda delle notizie che giungeranno da Roma e Bruxelles. La Commissione europea si appresta a bocciare la manovra finanziaria che prevede un deficit al 2,4% del Pil del governo giallo verde, citando violazioni senza precedenti e gravi delle regole di bilancio. Sarebbe una prima assoluta.

Ciononostante e malgrado il declassamento di Moody’s (che era ampiamente atteso) a un gradino sopra la categoria speculativa, lo Spread tra Btp e Bund decennali si restringe a 285 punti base dopo essere salito ai massimi dal 2013 e Piazza Affari prende quota. A sollevare il morale degli investitori nei confronti dei titoli italiani è il fatto che l’agenzia di rating ha stabilizzato gli obiettivi, fissando un outlook stabile che allontana il rischio di un nuovo declassamento a breve. Il rendimento del Btp a due anni, il più sensibile alle novità di politica economica, è sceso sotto l’1% per la prima volta da settembre, mentre il decennale rende il 3,33%.

“Il downgrade di un notch era largamente atteso, visto che l’agenzia aveva messo il rating sotto osservazione per un possibile downgrade…Riteniamo che l’outlook stabile, che non era scontato, sia positivo”, si legge in una nota di UniCredit. In Cina intanto un funzionario della banca centrale (PBOC), ha accennato che Pechino potrebbe varare un taglio importante delle tasse per favorire la crescita economica.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 22 Ottobre 201813:30

Ferragamo sale del 7,5% a 21,03 euro, con volumi ampiamente sopra la media, sul riaccendersi delle speculazioni di una possibile cessione dopo la scomparsa venerdì della signora Wanda Ferragamo, vedova del fondatore Salvatore. Una fonte finanziaria sottolinea che la numerosa famiglia, titolare complessivamente di circa il 65% del capitale, non avrebbe mai venduto finché la capostipite fosse rimasta in vita, mentre ora potrebbe sentirsi più libera di decidere un eventuale disimpegno.

Daniele Chicca 22 Ottobre 201813:31

Mattinata positiva per Btp, sostenuti da un verdetto meno negativo del previsto da parte di Moody’s, che venerdì sera ha tagliato di un notch a Baa3 il rating sovrano italiano ma ha stabilizzato l’outlook, scongiurando il rischio di nuovi declassamenti nel breve. A detta degli operatori, il rimbalzo potrebbe però rivelarsi di breve durata in un contesto che resta di estrema incertezza. Intorno alle 11 il tasso del decennale italiano, dopo essere sceso fino a 3,31% nei primi scambi, sui minimi da inizio ottobre, viaggia a 3,42% da 3,59% del finale di seduta di venerdì

Daniele Chicca 22 Ottobre 201813:31

Prime battute all’insegna dei forti ribassi per Philips sulla Borsa di Amsterdam, dopo la presentazione dei risultati trimestrali. Il gruppo olandese ha archiviato il terzo trimestre dell’anno con profitti attribuibili agli azionisti pari a 291 milioni di euro rispetto ai 315 milioni dell’analogo periodo dell’anno passato in scia ai costi associati alla separazione del business ‘lighting’. I ricavi sono invece saliti, attestandosi a quota 4,31 miliardi dai 4,15 miliardi di un anno fa.

Daniele Chicca 22 Ottobre 201816:12

Con il passare delle ore Piazza Affari vede vanificati gran parte dei rialzi della mattinata. Le banche riducono i guadagni dopo il balzo iniziale sostenuto dal fatto che l’agenzia di rating Moody’s non ha posto un outlook negativo dopo il taglio del rating, in un mercato volatile. Titoli bancari, strettamente collegati alle sorti dello spread, in rialzo ma ben sotto i massimi dell’apertura.

Le azioni più volatili perdono terreno con Banco Bpm in testa che segna un ribasso superiore all’1%. Negative anche BPER e Mediobanca. In deciso rialzo FCA dopo l’annuncio dell’accordo per la cessione di Magneti Marelli in un’operazione da 6,2 miliardi, superiore alle attese. Balzo di Salvatore Ferragamo in un mercato che ragiona su possibili operazioni di M&A dopo la scomparsa della moglie del fondatore Wanda Ferragamo.

Daniele Chicca 22 Ottobre 201816:18

Wall Street cede terreno in avvio con il Dow Jones che lascia sul campo più di cento punti, appesantito dai ribassi di United Technologies e Procter & Gamble. I titoli di Jacobs Engineering fanno segnare un progresso del 6,7%, mentre Caterpillar e Advanced Micro Devices guadagnano lo 0,6% e 4,4% rispettivamente. Questi due gruppi, che godono di un’ampia esposizione al mercato cinese, traggono giovamento dalle notizie di rilancio della crescita provenienti dalla Cina.

Daniele Chicca 22 Ottobre 201816:30

Dopo che il govern italiano ha confermato di non volersi piegare al volere dell’UE, lo Spread di rendimento tra Btp e Bund decennali è tornato ad ampliarsi. La settimana scorsa aveva toccato i massimi da aprile 2013.

Daniele Chicca 22 Ottobre 201816:31

Dopo che il governo italiano ha confermato di non volersi piegare al volere dell’UE, lo Spread di rendimento tra Btp e Bund decennali è tornato ad ampliarsi. La settimana scorsa aveva toccato i massimi da aprile 2013.

Daniele Chicca 22 Ottobre 201816:34

Anche l’euro è in calo sui mercati valutari, passando di mano a 1,1477 dollari al momento. Secondo quanto riferito da un trader navigato sul Forex, questo movimento ribassista della moneta unica “è tutt’altro che finito”.