Peggior semestre di sempre per i miliardari. Ecco chi ha perso di più

10 Luglio 2022, di Alessandra Caparello

Che il 2022 non sia proprio un anno da ricordare in positivo ce ne siamo accorti, tra coronavirus che continua a dilagare, guerra in Ucraina e inflazione, che pesano sempre più nostre tasche. Ma anche i più ricchi, nel loro piccolo, piangono. Il primo semestre 2022 infatti è stato il peggior semestre di sempre anche per miliardari.

I miliardari che hanno perso di più

La fortuna di Elon Musk, patron di Tesla e Space X, nonché uomo più ricco del mondo è crollata di quasi 62 miliardi di dollari. Non è un buon momento per Musk considerando che Tesla ha alzato il velo sulle consegne del secondo trimestre, e i risultati sono stati deludenti. Tra aprile e giugno, il costruttore di auto elettriche ha consegnato complessivamente 254.695 veicoli, il 18% in meno rispetto ai tre mesi precedenti, quando il numero di auto vendute aveva raggiunto quota 310.048. Si tratta di un dato inferiore alle stime degli analisti, nonché il primo risultato negativo dopo una fila di record durata quasi due anni.

Jeff Bezos ha visto il suo patrimonio ridursi di circa 63 miliardi di dollari. Il patrimonio netto di Mark Zuckerberg si è ridotto di oltre la metà.

Complessivamente, le 500 persone più ricche del mondo hanno perso 1,4 trilioni di dollari nella prima metà del 2022, un calo vertiginoso che segna il più forte calo semestrale di sempre per la classe miliardaria globale. Si tratta di un brusco calo rispetto ai due anni precedenti, quando le fortune degli ultra-ricchi erano lievitate grazie alle misure di stimolo senza precedenti adottate da governi e banche centrali sulla scia della pandemia di Covid-19, che hanno fatto lievitare il valore di qualsiasi cosa, dalle aziende tecnologiche alle criptovalute.

Una situazione in netto contrasto con quella dello scorso anno, quando l’impennata dei mercati aveva aumentato la popolazione mondiale di individui con un patrimonio netto elevato di circa l’8%, come aveva rilevato l’ultimo World Wealth Report (WWR) di Capgemini. Secondo lo studio, il Nord America aveva continuato la sua traiettoria di crescita, vantando il più alto aumento della popolazione e della ricchezza degli HNWI con tassi di crescita del 13,2% e del 13,8%.

Ora che i politici stanno aumentando i tassi di interesse per combattere l’inflazione elevata, alcune delle azioni più volatili – e i miliardari che le possiedono – stanno perdendo rapidamente quota. Tesla ha registrato il suo peggior trimestre di sempre nei tre mesi fino a giugno, mentre Amazon ha subito il crollo maggiore dallo scoppio della bolla web. Sebbene le perdite si stiano accumulando per le persone più ricche del mondo, ciò rappresenta solo un modesto passo avanti verso la riduzione della disuguaglianza di ricchezza. Musk, cofondatore di Tesla, detiene ancora la più grande fortuna del pianeta, con 208,5 miliardi di dollari, mentre Bezos di Amazon è al secondo posto con un patrimonio netto di 129,6 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index.

Bernard Arnault, la persona più ricca di Francia, è al terzo posto con un patrimonio di 128,7 miliardi di dollari, seguito da Bill Gates con 114,8 miliardi di dollari, secondo l’indice Bloomberg. Sono gli unici quattro che valgono più di 100 miliardi di dollari – all’inizio dell’anno, 10 persone in tutto il mondo hanno superato questa cifra, tra cui Zuckerberg, che ora è al 17° posto nella lista della ricchezza con 60 miliardi di dollari.

Tuttavia, la classe dei miliardari ha accumulato così tanta ricchezza negli ultimi anni che non solo la maggior parte di loro è in grado di sopportare il peggior primo semestre dal 1970 per l’indice S&P 500, ma è probabile che siano alla ricerca di occasioni, ha affermato Thorne Perkin, presidente di Papamarkou Wellner Asset Management. “Spesso la loro mentalità è un po’ più contrarian“, ha detto Perkin. “Molti dei nostri clienti cercano opportunità quando ci sono problemi per le strade”.