PADOA-SCHIOPPA

21 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Ieri il ministro dell’Economia
ha riconosciuto che sarebbero bastati 15 miliardi
di euro, per mettere le cose a posto con gli impegni
contratti a Bruxelles in materia di rispetto del
Patto di stabilità. E’ una dichiarazione sincera e onesta.

Come sincero e onesto è l’aver aggiunto che la parte in più
della manovra compresa nella finanziaria serve invece a finanziare
progetti di spesa attuale e futura, giudicati importanti o irrinunciabili
da parte del governo. Messa così, si
entra finalmente in una dimensione nuova, rispetto
a quella della finanziaria monstre necessaria
a rimediare i disastri ereditati dal passato.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Il ministro ha anche aggiunto che non bisogna
puntare ad accrescere la pressione fiscale, ma a
distribuirla meglio: purtroppo però in questo
caso sono le stesse tabelle di sintesi elaborate da
Bankitalia, a dire il
contrario. La tabella recita infatti che la finanziaria
comporta maggiori entrate per 18,8 miliardi
di spesa, e maggiori uscite – maggiori, non
minori – per oltre 3 miliardi di euro.

Copyright © Il Riformista per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved