La Cina scivola nei portafogli degli investitori

25 Aprile 2021, di Alfredo Piacentini (Decalia)

Quasi vent’anni fa, la Repubblica popolare cinese ha fatto ritorno nel concerto delle nazioni quando ha aderito all’Organizzazione mondiale del Commercio l’11 dicembre 2001.
La Cina ricomparve così sulla scena internazionale, fluttuando in un costume un po’ troppo grande per lei, quello di un impero e di una cultura millenaria che Mao aveva portato alla rovina. Mentre le sue dimensioni e la sua popolazione la lasciavano ancora fra i pesi massimi, in realtà aveva solo la stazza di un peso piuma. A quel tempo, il suo prodotto interno lordo era poco più di $ 1.000 miliardi, o il 2% del Pil globale, e il suo reddito pro capite si aggirava intorno a $ 1.000.

Vent’anni dopo, la Cina è cambiata. Nel 2020 ha aumentato il suo PIL di oltre i 15 trilioni di dollari, ovvero il 17% del PIL globale, dimostrando nel processo la sua straordinaria capacità di ripresa di fronte alla crisi. Il CSI300, il suo indice azionario, ha sovraperformato significativamente la maggior parte degli altri principali indici, chiudendo sopra il 27%. La seconda economia più grande del mondo, ha preso l’andazzo degli Stati Uniti e dovrebbe superarli entro il 2030.

Dal 1979 e dalle riforme avviate da Deng Xiaoping, la Cina ha seguito una traiettoria esemplare, con un ciclo ininterrotto di crescita che l’epidemia di Covid-19 ha appena scalfito. In primo luogo ha saputo porre fine alla sua economia pianificata, centralizzata sul triste modello sovietico, per dare libero sfogo a un’economia liberale di ispirazione colbertista.
Negli ultimi dieci anni è poi riuscita a sbarazzarsi del rozzo cliché dell’officina mondiale, a un costo terribilmente basso, per spostarsi sul mercato e posizionarsi nelle industrie high-tech. La rivoluzione tecnologica è seguita alla rivoluzione culturale. Chi ha offerto all’umanità, nell’antichità, grandi invenzioni come il compasso, la carta o la stampa, si è riconnessa con l’innovazione.

Oggi, il digitale controlla più di un terzo del PIL cinese. Nella classifica Top 10 World Unicorns, pubblicata nel 2020 dall’Hurun Research Institute, la Cina ha monopolizzato i primi quattro posti e Pechino ospita più di queste meraviglie della Silicon Valley. A marzo, i 3.000 deputati della Repubblica popolare, riuniti in sessione annuale, erano ancora più ambiziosi. Entro il 2025, la spesa interna per ricerca e sviluppo si avvicinerà ai 500 miliardi di euro, circa quanto gli Stati Uniti lo scorso anno. Il piano “Made in China 2025” non potrebbe essere più chiaro.
La Cina ha identificato dieci settori chiave in cui vuole brillare: IT 2.0, robotica, aeronautica, cantieristica navale e ferrovie – la via della seta obbliga – veicoli sostenibili, energia, attrezzature agricole, nuovi materiali e biomedicina.

A più lungo termine, il sogno cinese formulato da Xi Jinping è quello di affermarsi in tutti questi settori come la potenza leader del mondo entro il 2049, quando la Repubblica popolare festeggerà il suo centesimo anniversario. Insomma, la Cina vuole superare gli Stati Uniti. Come dice Confucio, non possono esserci due soli nel cielo.

Per raggiungere i suoi scopi, Xi Jinping ha a disposizione munizioni straordinarie: una classe media in crescita e un potere d’acquisto decisamente in rialzo. Qui, si potrebbero anche lasciare parlare i numeri, perché sono un indice inequivocabile.
La classe media cinese è composta adesso da 400 milioni di persone e nel 2025 supererà i 500 milioni. Alla stessa data, il reddito medio, che oggi si aggira intorno ai 10.000 dollari, dovrebbe orientarsi verso i 14.000 dollari.

Insomma, la Cina è borghese con sospiri di gioia mandarino. Il suo consumo interno funge da primo trampolino di lancio. Rappresenta ancora solo il 40% del PIL. Negli Stati Uniti raggiunge il 70%. Il margine di miglioramento è enorme.

Perché il compagno cinese, ieri frugale, si è trasformato in un feroce consumatore. Non molto tempo fa, la giacca Mao era l’unico defrock tollerato negli armadi. Il Partito, in uno spirito di fantasia, si era declinato in tre colori. Blu per i lavoratori, grigio per i dirigenti, verde per le leggendarie Guardie Rosse.

I tempi sono cambiati. Diverse decine di migliaia di marchi internazionali stanno ora invadendo il mercato cinese affinché i suoi consumatori possano realizzarsi come individui, in quella che Baudrillard chiamava “la logica sociale della differenziazione”. Gucci, Burberry, Louis Vuitton, tra gli altri, sono così diventati segni di identità, e più in particolare tra la generazione di Millennials.
Se la Cina consuma già più di un terzo di ciò che il settore del lusso produce ogni anno, i suoi Millennial da soli ne assorbono la metà. Il regime se la cava meglio, poiché il suo gregge non ha la testa altrove mentre lecca le finestre, distratto a buon mercato dalle catene politiche che lo circondano.

Stranamente, nonostante questo enorme potenziale, i gestori svizzeri rimangono piuttosto moderati nelle loro allocazioni. Nel 2020, le azioni e le obbligazioni cinesi pesavano più del 10% dei mercati globali.
Tuttavia, le azioni cinesi sono incluse nella composizione dell’indice MSCI All-Country World solo al 4% e le obbligazioni erano ancora quotate a meno dell’1% lo scorso anno nel Bloomberg Barclays Global Aggregate!
Negli ultimi mesi sono comunque salite al 7%. C’è quindi quella che viene chiamata un’anomalia, che deve essere corretta nel tempo. Mentre i suoi mercati finanziari mancano ancora di trasparenza e la governance delle loro società a volte lascia molto a desiderare, resta il fatto che la Cina rispetta gli standard internazionali ogni anno.
Le opportunità che genera sono troppo grandi per essere sottovalutate o sottopesate. “Troppo grande per ignorare”, come Donald Trump si è reso ben conto.