Elezioni di midterm, quale impatto avranno i risultati sui mercati?

16 Novembre 2022, di Blerina Uruci (T. Rowe Price)

Con la probabile vittoria dei Repubblicani alla Camera e dei Democratici al Senato alle elezioni di midterm 2022, nel prossimo Congresso ci si aspetta un’attività legislativa limitata. Tuttavia, c’è il potenziale per un acceso conflitto tra le parti, con possibili ripercussioni economiche.

Vale la pena ricordare che i periodi in cui il governo è diviso spesso limitano la capacità del Congresso di approvare leggi importanti. In questo contesto, per le aziende potrebbe essere più facile pianificare senza dover anticipare cambiamenti fiscali. Il passaggio a un governo diviso spingerà probabilmente l’amministrazione Biden a ricorrere a modifiche normative per attuare parti del suo programma, il che potrebbe avere, a nostro avviso, importanti implicazioni per alcuni settori e industrie.

L’impatto delle nuove leggi

Il presidente Biden ha ottenuto un successo inaspettato nel raggiungimento degli obiettivi legislativi all’inizio del 2022, tra cui l’attuazione del Creating Helpful Incentives to Produce Semiconductors (CHIPS) and Science Act e dell’Inflation Reduction Act (IRA). Il CHIPS and Science Act è stato concepito per dare impulso alla produzione di semiconduttori negli Stati Uniti e migliorare la competitività tecnologica, mentre l’IRA autorizza la spesa per le tecnologie energetiche pulite e per le riforme dei prezzi dei farmaci da prescrizione e dell’assistenza sanitaria.

Il presidente ha anche ottenuto l’approvazione di un significativo pacchetto di spesa per le infrastrutture che finanzierà molte iniziative, dai trasporti all’ampliamento della copertura a banda larga. Ci vorranno anni prima che l’impatto di queste politiche si ripercuota pienamente sull’economia, contribuendo forse a smorzare l’impatto dello stallo legislativo.

L’armistizio sul tetto del debito

La nuova maggioranza repubblicana alla Camera potrebbe cambiare significativamente le dinamiche dell’innalzamento del tetto del debito, necessario al Tesoro americano per continuare a emettere debito per finanziare il governo, rifiutandosi di aumentarlo senza ottenere concessioni sulla spesa da parte dei Democratici.

Il Congresso non permetterà che uno scontro politico su questo tema arrivi al punto di innescare un declassamento del rating del credito degli Stati Uniti sulla falsariga del declassamento del 2011 di S&P ad AA+. Con i mercati che stanno già lottando per assorbire l’effetto di un forte aumento dei tassi d’interesse nel 2022, è probabile che nessuno voglia gettare benzina sul fuoco e rischiare di infliggere questa sofferenza ai mercati.

Inoltre, la Fed cerca di operare come un’istituzione indipendente gestita da burocrati, ed è improbabile che le pressioni del Congresso influenzino la politica monetaria se l’inflazione rimarrà alta.

La politica commerciale della Cina resterà falcidiata

In termini di politica commerciale, la limitazione delle esportazioni di tecnologia verso la Cina è una delle rare aree di accordo bipartisan, che presenta la possibilità di una nuova legislazione. Ad oggi, l’amministrazione Biden ha lasciato in vigore – o ha imposto limiti più drastici, in alcuni casi – essenzialmente tutte le tariffe sulle importazioni dalla Cina attuate sotto l’amministrazione Trump, e questa posizione non è destinata ad ammorbidirsi. I Repubblicani potrebbero tentare di apparire più critici nei confronti della Cina rispetto a Biden, forzando il voto su risoluzioni non vincolanti o convocando audizioni in commissione per amplificare i loro messaggi.

I dati storici sulle elezioni di midterm devono essere considerati nel contesto

I rendimenti annuali dell’indice S&P 500 a partire dal 1950 rivelano che gli anni delle elezioni di midterm hanno registrato i rendimenti medi più bassi dei cicli presidenziali quadriennali. In questi anni si è registrato anche il maggior numero di fasi di mercato in ribasso, con l’indice S&P 500 che ha registrato una perdita annuale in otto dei 18 anni analizzati.

Tuttavia, l’indice S&P 500 ha registrato i rendimenti medi più elevati nel terzo anno del mandato presidenziale, l’anno successivo alle elezioni di metà mandato, con il mercato che ha guadagnato terreno in 16 dei 18 anni analizzati.

Come si è comportato il mercato azionario quando le elezioni di metà mandato sono passate da un governo unificato, in cui il partito alla Casa Bianca aveva anche la maggioranza in entrambe le camere del Congresso, a uno diviso? I risultati sono stati contrastanti. L’anno successivo alle elezioni politiche del 1954, 1994 e 2018, l’indice S&P 500 ha guadagnato il 25% o più. Tuttavia, dopo le elezioni di metà mandato del 2006, l’indice è salito solo del 3,5% ed è rimasto pressoché immobile nell’anno successivo alle elezioni del 2010.

Nel periodo che precede le elezioni, spesso circolano narrazioni che evidenziano correlazioni tra i risultati elettorali e le performance di mercato. Come sempre, gli investitori devono tenere presente che i risultati passati non garantiscono quelli futuri.