Guerra Ucraina, il Brent supera i 100 dollari per la prima volta dal 2014

24 Febbraio 2022, di Gianmarco Carriol

Giovedì i prezzi del petrolio salgono oggi in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, con il greggio Brent, benchmark internazionale, che ha superato i 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014.

Si prevede che l’attacco avrà implicazioni di vasta portata per i mercati energetici, dato il ruolo della Russia come secondo produttore mondiale di gas naturale e una delle più grandi nazioni produttrici di petrolio del mondo.

I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre $20 al barile dall’inizio dell’anno a causa dell’escalation delle tensioni Russia-Ucraina. Ora, si teme che un’ondata di sanzioni internazionali contro il settore energetico russo possa interrompere le forniture .

I futures sul greggio Brent sono aumentati di oltre l′8,1% a 104,69 dollari al barile durante gli scambi pomeridiani a Londra.

I futures US West Texas Intermediate, nel frattempo, sono saliti di oltre il 7,7% per essere scambiati a $99,15. Il WTI ha scambiato sopra i 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014 all’inizio della sessione prima di pareggiare i guadagni.

I prezzi del gas naturale sono balzati del 6,5%. L’oro spot, tradizionalmente considerato un bene rifugio, è salito fino a un massimo del 3,4%, arrivando alle 11:00 di questa mattina a quota $1974 l’oncia.

Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Unione Europea, Australia e Giappone sono stati tra i paesi ad annunciare la prima ondata di sanzioni contro la Russia all’inizio di questa settimana, prendendo di mira banche e individui facoltosi.

Una seconda raffica di misure è ampiamente prevista a breve, anche se alcuni analisti ritengono che i governi occidentali probabilmente esonereranno le transazioni energetiche dalle sanzioni.

L’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato all’inizio di questa settimana che:

“Mentre l’impatto specifico sui mercati petroliferi mondiali era “ancora da determinare”, i paesi membri erano pronti ad agire collettivamente per garantire che i mercati petroliferi globali siano adeguatamente riforniti”.

Il rally rialzista potrebbe fermarsi nel breve termine

A pesare sui prezzi del petrolio c’è anche il possibile ritorno del petrolio iraniano sul mercato globale. Gli Stati Uniti e l’Iran sono stati impegnati in colloqui nucleari indiretti a Vienna, in cui un accordo potrebbe portare alla rimozione delle sanzioni sulle vendite di petrolio iraniano e aumentare l’offerta globale.

L’Iran mercoledì, tuttavia, ha esortato le potenze occidentali a essere “realistiche” nei colloqui per rilanciare l’accordo nucleare del 2015 e ha affermato che il suo principale negoziatore sarebbe tornato a Teheran per consultazioni, suggerendo che una svolta nelle sue discussioni non è imminente.

 

Inoltre, le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di 6 milioni di barili la scorsa settimana mentre le scorte di distillati sono diminuite, secondo fonti di mercato che hanno citato i dati dell’American Petroleum Institute alla fine di martedì.

“In questa fase è tutt’altro che chiaro cosa potrebbe riportare in sé il presidente russo, quindi la situazione, i mercati azionari e petroliferi rimarranno volatili”

ha affermato giovedì Tamas Varga, analista senior di PVM Oil Associates.

“Anche se i prezzi scendessero sotto i 100 dollari al barile a causa dell’attenuarsi delle tensioni nell’Europa orientale, il ritracciamento potrebbe rivelarsi di breve durata e la rigidità dei prodotti potrebbe mantenere i prezzi del petrolio a livelli elevati nei mesi a venire”

ha aggiunto.

Sulle escalation in Ucraina, Goldman Sachs ha affermato in un rapporto di mercoledì che l’impatto sui prezzi dell’energia dovrebbe essere limitato.

“Sebbene l’Europa importi gran parte del proprio consumo di gas naturale dalla Russia, gli Stati Uniti sono un esportatore netto di gas naturale e qualsiasi effetto di ricaduta sui prezzi del gas negli Stati Uniti dovrebbe essere modesto”

hanno affermato gli analisti della banca di Wall Street.